Femi CZ Rugby Rovigo: il Presidente Zambelli lascia!

Francesco Zambelli, al centro della foto, con a sx Marzio Innocenti e, a dx, Enrico Toffano: a sorpresa le dimissioni odierne del presidente rossoblu

La Monti Rugby Rovigo (sua spina nel fianco) solo l’ultima di molte altre ragioni

di Enrico Daniele
(foto di Enrico Daniele)
Si infiamma l’estate già caldissima del rugby polesano.
Di qualche giorno fa la notizia di un rilancio della Rugby Rovigo Delta, in funzione di un credo federale che punta esclusivamente all’alto livello (Pro14) inteso inequivocabilmente come unica rappresentanza di tutto il movimento rugbistico italiano (ndr. progetto cui Zambelli si è dichiarato da sempre parte contraria essendo schierato con la corrente avversaria degli attuali vertici FIR). E il conseguente invito alla Monti Rovigo Junior, controllata dall’ “eminenza grigia”, Professor Costato, di cambiare volto per unire le forze e ritrovare rapporto e unità d’intenti.

Poi, dopo la presa in carico da parte della RRD delle squadre Cadetta e Under 18, la designazione di Raffaello Salvan come coordinatore tra primo XV e settore giovanile, il primo colpo di scena con la sorprendente notizia della rinuncia dei tecnici (Roberto Pedrazzi, Cadetti e Matteo Ballo, Under 18) e del preparatore atletico (Simone Farina, che collabora anche con la Under 16), rimpiazzati da Pierpaolo Tellarini, Antonio Romeo e Graziano Ravanelli.

Ed oggi, come un fulmine a ciel sereno, il comunicato stampa della società di via Alfieri che annuncia le dimissioni del suo nr. 1, Francesco Zambelli.
L’epilogo di una guerra che dura da troppo tempo (ndr. dal 2012, dopo il mancato rinnovo ad Alejandro Canale) in casa rossoblù, che hanno convito Zambelli a cedere le armi.

“Ci sono anche altre ragioni per dare le mie dimissioni da Presidente della nostra Società, ma ora è sufficiente l’ultima in ordine di tempo: non intendo vivere l’onore e l’onere della presidenza della Rugby Rovigo Delta portando continuamente la spina nel fianco e nel cuore che Monti Rugby Rovigo Junior ha saputo conficcare” spiega Zambelli nel comunicato. E rincara: “Credevo che il nuovo corso della società, con la gestione diretta delle Under 18 e della Cadetta, fosse occasione per il rilancio del nostro Club in senso univoco per i colori rossoblù, ma così non potrà essere. E quindi mi arrendo, rassegno le mie dimissioni da Presidente. Porterò avanti fino al 30.06.2018 gli impegni economici di FEMI-CZ Spa e quelli a me riconducibili”.

Zambelli conclude così, amaramente, il suo progetto di rilanciare il rugby polesano, arrivato a malapena a metà del suo percorso.

A poco meno di un mese dall’inizio del campionato, acque agitatissime tra i bersaglieri.
Ma si sa, a Rovigo il rugby è prima di tutto “questione di cuore” e, come sempre successo in precedenza, prima o poi gli amanti ritorneranno a volersi bene

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *