Quello “dello spareggio di Udine”
Festa nella tenuta della famiglia Putti

di Angelo Volpe con Franco Baraldi
(foto di Enzo Romaro e Angelo Volpe)

Formidabile quell’anno!

Nel 2017 ricorre il 40° dello scudetto petrarchino passato alla storia come quello “dello spareggio di Udine“. Ricordate? Campionato a inseguire la capolista Rovigo, aggancio all’ultima giornata davanti ai 20.000 spettatori dell’Appiani in una partita memorabile per qualità e intensità. Spareggio dopo sette giorni a Udine, davanti a 14.000 spettatori. Vittoria sofferta che ancora oggi fa mugugnare la tifoseria rossoblu.

Trionfo Petrarca sotto un vero diluvio di vento, acqua, grandine e fulmini. Un trionfo purtroppo funestato da una vittima tra il pubblico rodigino, colpita in pieno sulle gradinate da un fulmine a partita ormai finita. Una dramma terribile in una giornata di grande gioia.

A distanza di 40 anni i protagonisti scudettati di quell’impresa si sono ritrovati domenica 1 ottobre 2017 nella tenuta della famiglia Putti a Cona (VE) – rinnovando una tradizione avviata negli anni ’70 quando si festeggiavano gli scudetti con Memo Geremia – per rinverdire i ricordi di quella vittoria. Tanti campioni, tante facce invecchiate e segnate dal tempo, ma sempre presente lo spirito di amicizia che legava gli uomini che 40 anni fa fecero l’impresa.

Momento clou della festa, il taglio della torta celebrativa con i presenti che in coro hanno intonato una canzone composta dopo lo spareggio di Udine (usando uno swing alla Nicola Arigliano): “Sapessi com’è strano, vedere nevicare in agosto nel polesano, ed io Petrarchino, con Rovigo non mi intrigo, non mi intrigo; e poi in questo campionato impossibile chi l’avrebbe mai detto che il Petrarca é imbattibileee, imbattibileee”

1 commento
  1. piero bicchieri dice:

    se ben ricordo, qualcuno a Rovigo aveva detto….se el Petrarca vinse el campionato nevega a ferragosto…..

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *