EPCR Continental Shield: trasferta tedesca per il Petrarca

L’ Heidelberger RK sarà l’avversario nel terzo turno
Marcato: “Fare risultato in una manifestazione a cui teniamo molto”
Arbitra un italiano: Andrea Piardi di Brescia
Diretta su www.meinsportradio.de
La formazione annunciata

di Enrico Daniele
(foto di copertina Corrado Villarà)

Sabato 9 dicembre si ritorna in Europa per il terzo turno dell’ EPCR Continental Shield,la manifestazione riservata alle squadre italiane che hanno concluso la scorsa stagione ai play off (4), di Romania (1), della Georgia (1), del Portogallo (1) e di Germania (1). Ed è proprio nella trasferta contro i tedeschi dell’Heidelberger RK che vedremo impegnato il Petrarca Rugby.

Un piccolo passo indietro per vedere la situazione e le classifiche dei due gironi dopo due turni.
Girone A
Comanda la classifica il Timisoara Saracens (9 pt), squadra rumena che ha vinto entrambe le gare: di misura contro il Petrarca (29-25) e largamente in Portogallo contro gli universitari di Lisbona (45-10). Segue la Femi CZ Rovigo (6 pt), vincente all’esordio contro Batumi (31-27) ma sconfitta nel derby contro il Petrarca (18-13). Terzi i tedeschi dell’Heidelberger RK (4 pt) che hanno sconfitto Calvisano (23-19) e perso contro Batumi (33-16). Ultima posizione per Viadana (1 pt) con due sconfitte: 14-19 in casa contro i portoghesi e 41-14 contro il Patarò a Calvisano.

Praticamente nulle le possibilità di passare il turno della squadra di Filippo Frati (domani riceve in casa i forti georgiani del RC Batumi), alle prese con una rosa cortissima a causa dei molti infortunati, e che non fa mistero di avere maggior interesse per il campionato. In piena corsa, invece, la Femi CZ Rovigo che al Battaglini avrà di fronte i più modesti Universitari di Lisbona.

GIRONE B
Più equilibrio in classifica, dove le quattro squadre sono racchiuse nell’arco di tre lunghezze: RC Batumi (7 pt), Patarò Calvisano (6 pt), Petrarca Rugby (5 pt) e CDU LIsboa (4 pt).
Per questo saranno interessanti le gare di Calvisano (in trasferta a Timisoara) e Petrarca, come detto impegnato in Germania. Sulla carta meno problemi per Rovigo che è l’unica a giocare in casa contro la meno attrezzata del gruppo, il CDU Lisboa.

Passano al turno successivo (play off con A/R) le prime due di ogni girone: una formula premiante, rispetto a quella assurda della scorsa stagione.
Per il Petrarca è fondamentale una vittoria, considerato anche che Calvisano ha di fronte un avversario molto forte (probabilmente il più forte dei due gironi), per sperare nella seconda posizione.

“La preparazione e l’approccio del match sono quelli di una finale: non potrebbe essere altrimenti se vogliamo far risultato e sperare di passare il turno di questa competizione, alla quale noi tutti teniamo molto”, spiega il tecnico Andrea Marcato.
Heidelberger è sostanzialmente la nazionale tedesca infarcita da giocatori sudafricani ed allenata da tecnici esperti come Mouritz Botha, ex Saracens, Newcastle ed Inghilterra. Forti fisicamente e più abituati al clima rigido e alle nevicate di questo periodo, anche se il terreno di gioco è in erba sintetica.

Il tecnico dei bianconeri ha annunciato la formazione che, con le poche varianti (Menniti-Ippolito e Bettin partiranno dalla panchina, l’arretramento di Riera all’estremo e il rientro di Francesco Favaro al centro e Luca Nostran in terza) è sostanzialmente quella vincente di domenica contro Viadana.
Perciò, ecco il XV annunciato alla vigilia del match e gli uomini a disposizione del tecnico: Riera; Fadalti, Favaro, Benettin, Rossi; Rizzi, Sua; Trotta, Nostran (c), Lamaro; Cannone, Gerosa; Vannozzi, Santamaria, Scarsini. A disp.: Marchetto, Borean, Acosta, Salvetti, Francescato, Menniti-Ippolito, Bettin, Saccardo.

La gara avrà inizio alle ore 15:00 (arbitro il sig. Andrea Piardi di Brescia, già direttore di gara Petrarca vs Medicei) e, secondo quanto ci ha comunicato l’ufficio marketing del Petrarca, sarà possibile vederla in diretta streaming sul sito www.meinsportradio.de

La classifica dei due gironi, aggiornata al secondo turno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *