Rugby & Cucina: gnocchi alla romana per la gara di Roma

Per finire in bellezza le feste il “piatto del giovedì” laziale

di Serena Canuto
(immagine di copertina dal sito Lorenzovinci.it)

Dopo la pausa natalizia diamo il via al girone di ritorno del campionato italiano d’eccellenza e anche alle nostre proposte culinarie in abbinamento alla squadra avversaria di turno.
Il XV del Petrarca affronterà in trasferta, nel giorno dell’Epifania, la S.S. Lazio Rugby 1927.
Dedichiamo a questa squadra un altro piatto tipico romano per eccellenza: gli gnocchi alla romana.

Come vuole la tradizione laziale, rappresentano proprio il classico piatto del giovedì, probabilmente servito in mezzo alla settimana per compensare la leggerezza del pasto dei giorni successivi. Il famoso detto, infatti, è: “gnocchi al giovedì, venerdì pesce e sabato trippa”.
Se durante le feste non vi siete saziati a sufficienza, ecco a voi la ricetta per 5 persone.

Ingredienti
250 gr semolino
1 litro latte intero
100 gr burro
2 tuorli d’uovo
100 gr parmigiano reggiano
40 gr pecorino
7 gr sale fino
Noce moscata qb

Preparazione
Per prima cosa portate a bollore in un tegame il latte con una noce di burro, il sale e la noce moscata.
Aggiungete poi il semolino a pioggia, mescolando per evitare grumi.
Cuocete il tutto per qualche minuto, dopodiché togliete dal fuoco e aggiungete i due tuorli.
Unite poi il parmigiano. Mescolate il tutto e versate il composto su un foglio di carta forno e, aiutandovi con questa, date forma a un cilindro (o due se vi sembra troppo grande).
Chiudete bene la carta forno, lasciate raffreddare e ponete tutto in frigorifero per 20 minuti.
Passato il tempo toglieteli dal frigorifero, srotolate i cilindri di semolino dalla carta e con il coltello tagliate dei dischetti, che poi metterete all’interno di una teglia da forno.
Cospargeteli con burro fuso e con il pecorino. Infornate in modalità statica a 200° per 20-25 minuti.
Serviteli a tavola ancora ben caldi.
Buon Appetito e buon rugby a tutti!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *