Il Petrarca a Noceto contro Reggio: una sfida che nasconde molte insidie

Marcato alle prese con le assenze dei nazionali e per l’influenza
Manghi: sopite le polemiche sull’arbitraggio, punta a ripetere la bella prestazione di domenica contro il Calvisano
Le probabili formazioni

Roberto Manghi: parole dure in settimana, quelle del tecnico emiliano, contro l’arbitraggio durante la gara contro il Patarò Cavisano (ph Daniel Cau)

di Enrico Daniele
(in copertina foto di Corrado Villarà)

Sabato 3 febbraio il Petrarca sarà in trasferta in terra emiliana contro la Conad Reggio (kick off ore 15:00, arbitro il sig. Bolzonella di Cuneo) per la terza giornata del girone di ritorno. La partita si giocherà però a Noceto, sul terreno del “Nando Capra”, in quanto il “Mirabello” e la “Canalina” è a disposizione per gli allenamenti della Nazionale Femminile (ndr, giocherà domenica la prima gara del Sei Nazioni contro l’Inghilterra).

Un elemento in più a favore dei diavoli rossoneri in quanto alcuni dei sui giocatori sono cresciuti nel vivaio di Noceto ed altri ci hanno giocato. Conoscono bene il campo e la società che ci ospiterà: una motivazione in più per fare bella figura, come quella di domenica scorsa contro i campioni d’Italia del Patarò Calvisano.

A questo proposito, coach Roberto Manghi in settimana ha avuto parole dure nei confronti dell’arbitraggio (ndr, il sig. Riccardo Angelucci di Livorno). Uno sfogo che lo accomuna con altri tecnici che, lontani dai microfoni dei media, si sono lamentati delle direzioni di gara. “Quel che è stato è stato – commenta Manghi – l’arbitraggio di domenica ci ha lasciato l’amaro in bocca, ma ora giriamo pagina. Però credo sia doveroso pretendere che gli arbitri dirigano in modo giusto. Non vogliamo né favoritismi, né essere penalizzati. Chiediamo solo direzioni di gara eque e corrette”. E sulla gara di sabato dichiara: “Padova è un altro bel test. Ringrazio Noceto per averci accolto. Si tratta di una piazza e di una società importante per il rugby italiano che negli ultimi ha sfornato i migliori giocatori emiliani. Noi ne abbiamo cinque formati dalle loro giovanili (Filippo Ferrarini, Alberto Ferrarini, Farolini, Gennari, Devodier) e altri hanno militato in passato nel Noceto (Rimpelli, Manghi). Da loro soprattutto mi aspetto una grande partita, uno stimolo in più a fare bene”.

Ecco il XV annunciato da Roberto Manghi: Farolini (cap); Costella, Paletta, Suniula, Gennari; Rodriguez, Panunzi; Balsemin, F.Ferrarini, Messori; Devodier, Du Preez; Bordonaro, Manghi, Quaranta. A disp. Saccà, Gatti, Celona, Dell’Acqua, Visagie, Caminati, Daupi.

Da parte sua Andrea Marcato, tecnico dei bianconeri, riconosce l’ottima prova di Reggio nell’ultimo turno, conscio di trovarsi di fronte una squadra molto fisica ed aggressiva. “Contro Reggio Emilia – dichiara il tecnico del Petrarca – sarà fondamentale essere efficaci nelle fasi statiche, loro vero punto di forza, ed essere disciplinati al fine di non concedere piazzati a Gennari o punizioni che possano dare loro la piattaforma per un drive all’interno dei nostri 22 metri”.

Nel Petrarca qualche assenza di peso (Cannone, Lamaro, Rizzi, con Coppo nella Nazionale U20) e qualche defezione per l’influenza. Tuttavia, grazie alla panchina lunga, il tecnico bianconero ha annunciato una formazione dove si registra il rientro di Michieletto (schierato in seconda con Gerosa), di Bacchin (centro con Benettin) e Capraro all’ala. Marcato prova ancora Riera all’apertura, riportando Menniti-Ippolito ne suo ruolo di estremo (Fadalti, che lunedì sarà in ritiro con la Seven’s assieme ai compagni Rossi, Trotta e Salvetti, partirà dalla panchina).

Ecco la probabile formazione annunciata: Menniti-Ippolito; Capraro, Benettin, Bacchin, Rossi; Riera, Su’a; Trotta, Nostran (cap.), Conforti; Michieletto, Gerosa; Vannozzi, Delfino, Acosta. A disposizione: Scarsini, Borean, Filippetto, Saccardo, Bernini, Francescato, Bettin, Fadalti.

Il match sarà trasmesso in diretta streaming su therugbychannel.it e in diretta testuale sulla app della FIR.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *