Rugby & Cucina: gnocco fritto per la trasferta contro la Conad Reggio

Tipico piatto della gastronomia emiliana
di Serena Canuto
(immagine di copertina dal sito Tribù Golosa)

Questo sabato si giocherà la terza giornata di ritorno del campionato rugby Eccellenza ed il Petrarca sfiderà in trasferta (al “Nando Capra” di Noceto) la Conad Reggio.

Ecco qui un piatto tipico di tutta l’Emilia, e amato in tutta Italia: lo gnocco fritto.
La ricetta è molto semplice da preparare: altro non è che pasta per il pane che viene fritta e poi farcita con salumi e/o formaggi a piacere.

Nonostante la ricetta sia una sola, lo gnocco fritto ha assunto, in Emilia Romagna, nomi diversi a seconda delle varie zone: nella provincia di Bologna lo gnocco fritto viene chiamato “crescentina“, nella provincia di Parma “torta fritta“, nella provincia di Reggio Emilia e Modena “il gnocco fritto“, mentre nella provincia di Piacenza è più in auge la dizione dialettale “chisulèn“.

Ingredienti
70 g strutto
500 g farina 0
1 cucchiaino di zucchero
10 g sale fino
180 ml circa di acqua
12 g lievito di birra fresco
Per friggere: olio extravergine d’oliva (o strutto) q.b.

Preparazione
Per preparare lo gnocco fritto, sbriciolate in una ciotola 12 g di lievito di birra, unite il cucchiaino di zucchero e versate 50 ml di acqua tiepida: fate sciogliere bene il lievito mescolando con un cucchiaino.
Unite poi 2 cucchiai di farina, quanta ne serve per formare una pastella molto morbida, che lascerete riposare per mezz’ora. Passata la mezz’ora versate la restante farina in una ciotola capiente ed unite la pastella, aggiungete lo strutto, dopodiché fate sciogliere i 10 gr di sale in circa 125 ml di acqua tiepida; quando il sale si sarà disciolto versate tutta l’acqua all’interno della ciotola e cominciate a impastare.
Trasferite l’impasto su un piano infarinato e lavoratelo fino a quando sarà diventato liscio ed omogeneo, quindi date all’impasto una forma di palla. Lasciate lievitare per circa 4 ore in un ambiente tiepido e privo di correnti d’aria, fino a quando l’impasto avrà circa triplicato il volume.
Trascorso il tempo necessario, riprendete l’impasto e lavoratelo su un piano infarinato e stendetelo in una sfoglia dello spessore di circa 3 mm; con un tagliapasta con la lama liscia ricavate dei rombi o dei quadrati di 8-10 cm di lato. A questo punto preparate una pentola, con abbondante olio di oliva (o strutto) e fatelo riscaldare per bene.
Immergete pochi gnocchi per volta nell’olio di oliva (o nello strutto bollente), fateli friggere, scolateli con una schiumarola e mettete gli gnocchi fritti ad asciugare su un pezzo di carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.
Servite lo gnocco fritto ancora caldo accompagnandolo con un bel tagliere di salumi misti, lardo e con qualche formaggio con cui andrete a riempirli dopo averli tagliati a metà
Buon appetito…e Buon Rugby!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *