Rugby & Cucina: polenta taragna per i campioni d’Italia

Nato in Valtellina, si è diffusa anche nella zona di Bergamo e Brescia
di Serena Canuto
(immagine di copertina dal sito Bergamo a tavola)

Per la quarta giornata del girone di ritorno dell’Eccellenza arriveranno al Memo Geremia i campioni in carica del Patarò Calvisano.
A loro dedichiamo la polenta taragna, piatto povero e antico nato originariamente nella Valtellina, ma poi diffusosi anche nella zona di Bergamo e Brescia.

Presumibilmente si ritiene che il nome “taragna” derivi da “tarèl”, termine che stava a indicare il bastone necessario a “tarare” la polenta, cioè a mescolarla in continuazione per evitare che si attacchi sul fondo del paiolo.
La polenta taragna, si arricchisce di farine tipiche quali ad esempio la farina di grano saraceno.
Oggigiorno la ricetta tradizionale si rinnova utilizzando farine integrali di mais selezionati macinate a pietra, quali ad esempio la farina di mais Quarantino.
Questa varietà di mais è presente sul territorio bresciano, i chicchi sono tondeggianti, lucidi e vitrei con un bel colore rosso aranciato. Si ottiene un’ottima farina ricca di proteine, da un gusto intenso e un aroma particolare che richiama note di tostatura.

Ingredienti (per 6 persone)
350 gr. di farina integrale di mais,
120 gr. di farina di grano saraceno,
250 gr. di burro di montagna,
250 gr. di formaggio morbido magro
250 gr. di formaggio morbido grasso
qualche fogliolina di salvia

Preparazione
Dopo aver mescolato le farine, preparate una polenta con circa 120 gr. di burro e l’acqua (circa 2,50 lt).
Quando saranno passati 45’ di cottura aggiungete il restante burro e formaggio che avrete tagliato a pezzetti.
Mescolate ancora per 20’ quindi servite la polenta versandola in fondine singole e conditela con un po’ di burro fuso insaporito con delle foglie di salvia.
Ideale da gustare con un buon calice di vino rosso.
Buon appetito e buon rugby!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *