Petrarca vs Fiamme Oro: la classicissima di domani al Memo Geremia

Match posticipato alle 15:30.
Qualche statistica e le formazioni annunciate.

Un’immagine di repertorio di Petrarca vs Fiamme Oro (ph Ettore Griffoni)

di Enrico Daniele
(in copertina foto di Ettore Griffoni)

Si gioca domani una delle classiche sfide del massimo campionato di rugby. Al “Memo Geremia”, con inizio alle 15:30, posticipato di mezzora rispetto agli altri campi, e con la direzione arbitrale del sig. Matteo Liperini di Livorno, in campo Petrarca e Fiamme Oro per rinnovare una lunghissima tradizione da quando la squadra della Polizia di Stato è rientrata nel rugby che conta (ss. 2012-13).

Nelle ultime stagioni le statistiche sono tutte favorevoli al Petrarca (dalla ss. 2012-13) che su 11 incontri ne ha vinti 7, 1 pareggiato e subito 3 sconfitte.
Il Petrarca non perde in casa dalla 13a giornata della ss. 2012-13 (11-17) e in questa stagione ha vinto la gara di andata a Roma (33-16).
In classifica generale il divario tra le due squadre è notevole. Il Petrarca è al 3° posto con 50 punti (11 vittorie, 2 sconfitte), mentre le Fiamme Oro sono al 6° posto a 35 punti (7 vittorie, 1 pareggio, 5 sconfitte).

Nelle ultime quattro gare mentre il Petrarca ha collezionato altrettante vittorie mentre le Fiamme Oro hanno vinto l’ultima gara il 6 gennaio contro Mogliano al Quaggia (6-33). Poi un pareggio a Roma (24-24) con la Femi CZ Rovigo e 2 sconfitte: a Calvisano (29-13) e in casa contro Reggio (33-42). I cremisi hanno perso anche la finale del Trofeo Eccellenza contro la Lafert San Donà (al Battaglini 24-0). Un ruolino di marcia, quello dei cremisi, che fa presupporre una squadra che domani avrà il coltello tra i denti e farà di tutto per rompere il trend negativo.

L’obiettivo delle Fiamme è quello di rialzare la testa – si legge nel comunicato stampa della società – con una prestazione che possa rilanciare la stagione e far riconquistare alla squadra la fiducia nei propri mezzi, così come conferma coach Gianluca Guidi: “Dobbiamo mettere in campo una prestazione convincente, soprattutto sotto il profilo dell’attitudine e della solidità mentale. Certo, ci troveremo di fronte una squadra che sta attraversando un momento di forma particolarmente positivo e che dalla sua ha anche una rosa di tutto rispetto. Non sarà un impegno semplice, ma il nostro obiettivo è quello di rialzare la testa e tornare a giocare come un mese fa”.

Ecco la probabile formazione in campo domani: Buscema; Ngaliafe, Seno, Gabbianelli, Bacchetti; Edwardson, Parisotto; Cornelli, Cristiano (cap), Favaro; Caffini, Fragnito; Iacob, Moriconi, Cocivera. A disposizione: Kudin, Zago, Ceglie, Mammana, Amenta, Calabrese, Quartaroli, Gasparini.

Clima sereno in casa Petrarca, nonostante le tante assenze.
Dopo 2 settimane di sosta riprendiamo la nostra corsa verso i playoff”, spiega il tecnico del Petrarca, Andrea Marcato. “Contro le Fiamme dobbiamo dimostrare capacità nel mantenere continuità dopo il buon risultato con Calvisano. Purtroppo, arriviamo a questa importante sfida con parecchie defezioni. La lista di indisponibili è lunga, ma questo non sarà un alibi, piuttosto un’opportunità per far vedere la bontà della rosa”.

Infatti, oltre ai convocati per il Sei Nazioni Under 20 (Cannone, Lamaro e Rizzi), la lista degli infortunati comprende anche Tommaso Coppo. Inoltre, fermi Trotta (postumi colpo all’occhio sinistro con Calvisano), Conforti, Santamaria (recupero operazione al menisco), Delfino, Filippetto e Morona.

Marcato quindi è costretto a rivedere la formazione che ha battuto Calvisano nel precedente turno. Nella linea arretrata da notare il rientro di Simone Ragusi, schierato all’ala dal primo minuto al posto di Rossi (tenuto a riposo), in coppia con Capraro. Nel ruolo di primo centro rientra Benettin con Riera, dietro tutti Fadalti. Menniti-Ippolito all’apertura con Francescato mediano di mischia. Salvetti dal primo minuto in terza al posto di Conforti. Michieletto arretrato in seconda. In panchina si rivedono Francesco Favaro ed Enrico Bacchin, mentre Andrea Bettin che sarà disponibile come terza linea e Damiano Borean come tallonatore.

La probabile formazione del Petrarca: Fadalti; Capraro, Riera, Benettin, Ragusi; Menniti-Ippolito, Francescato; Bernini, Nostran, Salvetti; Saccardo (cap.), Michieletto; Rossetto, Marchetto, Scarsini. A disp.: Acosta, Borean, Vannozzi, Gerosa, Bettin, Su’a, Bacchin, Favaro.

Le condizioni meteo prevedono pioggia e quindi campo pesante.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *