Rugby & Cucina: i dolcetti bussolai buranei

Dolcetti tipici della tradizione veneziana.
di Serena Canuto
(immagine di copertina dal sito isoladiburano.it)

Per la terzultima giornata della regular season ospiti del Petrarca alla Guizza la Lafert San Donà.
Per l’occasione Serena ci propone un dolcetto tipico della tradizione pasticcera veneziana: i bussolai.
Si chiamano anche “bussolai buranei” o a seconda della forma “esse buranei” e, come tradisce il nome, sono originari dell’isola di Burano.
Il nome deriva da “busa”, ossia “buca”. La forma ad “esse” è nata dopo, sembra perché in questo modo sono più facili da inzuppare. La pasta di questi biscotti non si scioglie nel latte o nel tè e per questo sono ottimi a colazione.
I bussolai vengono preparati in caso di festività, quali la Pasqua ed è per questo che si può affermare che sono il dolce di Pasqua di Burano.
Ecco la ricetta per preparare in casa i bussolai buranesi.

Ingredienti
▪ 250 g di farina, meglio se un mix di farine di frumento e farro
▪ 80 g di zucchero di canna
▪ 100 g di burro
▪ 3 tuorli d’uovo
▪ la scorza grattugiata di un limone
▪ aroma di vaniglia

Preparazione
Il segreto per una perfetta riuscita? Il burro deve essere ammorbidito a temperatura ambiente: dovrebbe essere fuori dal frigo da almeno 12 ore.
Mescolate i tuorli con il burro e lavorateli a lungo, poi unite la farina setacciata.
Profumate l’impasto con la scorza grattugiata di un limone e la vaniglia. Preparate la classica palla di pasta e fate riposare in frigo per 20 minuti circa.
Prelevate dei pezzetti di pasta e formare delle “esse” o delle ciambelle: l’impasto è sufficiente per 40 biscotti. Distribuite i biscotti su una teglia coperta di carta da forno. Cuocete in forno caldo a 170°C per 15 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare su una gratella. Conservate i biscotti in una scatola di latta ben chiusa.
Si possono gustare anche con un buon bicchiere di vino bianco.

Buon dessert e buon rugby…e buona Pasqua!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *