Il ribaltone in gara 2 play off: Valsugana e Verona in Eccellenza

Le due squadre venete ribaltano i risultati di gara 1.
L’Eccellenza 2018-19 a trazione veneta: 6 squadre su 12.
Resta la difficoltà ad esprimere un serio candidato alla Presidenza della F.I.R.
di Enrico Daniele
(in copertina foto di Franco Cusinato)

Con il più classico dei ribaltoni Valsugana e Verona battono rispettivamente CUS Genova (22-13) e Sitav Lyons Piacenza (3-13) ottenendo un doppio risultato storico.

Nella prossima stagione, salvo imprevisti che potrebbero venire da Mogliano (n.d.r. le voci di una probabile cessione del titolo sportivo si fanno sempre più insistenti), il Veneto avrebbe il 50% della rappresentanza nel nuovo campionato di Eccellenza a 12 squadre, costituito da Petrarca, Rovigo, San Donà, Mogliano e le due neo promosse, Valsugana e Verona.

Un peso notevole della nostra regione nel panorama ovale nazionale che, se non bastasse, annovera anche Treviso (Pro 14) oltre alle 6 squadre di Serie A (Cadetti Petrarca, Tarvisium, Valpolicella, Vicenza, Paese e una delle 2 tra Badia e Villorba che andranno agli spareggi in Serie B).
Tuttavia, rimane cronica la fatica del movimento veneto che non riesce ad esprimere un proprio candidato realmente papabile alla presidenza nazionale. Una carica che il Veneto dovrebbe avere di diritto, vista l’eccellenza che da solo riesce a dare, come nessun’altra regione in Italia.

Tornando alle gare di oggi.
Incredibile, combattutissima e rocambolesca la gara al “Beltrametti” dove la Sitav Lyons stecca il possibile ritorno in Eccellenza dopo solo un anno dalla retrocessione. Sorprende Verona che si aggiudica il match e la mini classifica per 5-4 (all’andata era 1-4 per Piacenza). Dopo un parziale di 3-10 nel primo tempo (meta di capitan Artuso al 21’, trasformazione e piazzato di McKinney al 27’, contro una punizione di Guillomot al 33’), il secondo tempo era un arrembaggio dei padroni di casa che tuttavia subiscono un piazzato di McKinney al 50’ e sprecano una ghiotta occasione di meta allo scadere.
Finisce 3-13 con Verona in Eccellenza.

Ad Altichiero l’abbondante fortunale che si è abbattuto in mattinata e nel primo pomeriggio aveva reso il campo di via Querini assai pesante. Tuttavia, il maltempo non ha scoraggiato né i tifosi di casa né i sostenitori genovesi stipati numerosi intorno al rettangolo verde.

Il Valsugana parte subito forte, perché servono almeno 9 punti per superare il gap di gara 1, ed è il piede di Nicola Benetti a scavare un piccolo solco con due calci piazzati al 4’ e 11’. Tuttavia, il XV di Polla Roux potrebbe usare di più il piede per giocare in profondità dove il CUS Genova è spesso sguarnito. La doccia fredda per i padroni di casa arriva al 15’ perché grazie ad un intercetto il terza centro del Genova Mills si fionda dritto in mezzo ai pali da metà campo. Tutto da rifare sul 6-7 per gli ospiti che riescono per qualche momento a premere sull’acceleratore nell’intento di mettere dentro altri punti. Il Valsugana si difende bene e sfrutta al meglio il proprio pacchetto di mischia che lavora egregiamente in chiusa e nelle maul avanzanti. Proprio da una di queste, dopo una rimessa laterale nei 22 genovesi, arriva la marcatura del pilone cileno Lastra-Masotti con il sostegno di tutto il pack. Benetti caccia tra i pali la trasformazione e va a centro altre due volte dalla piazzola. Il sig. Mitrea concede il riposo sul 19-7, in perfetto equilibrio tra le due squadre rotto tuttavia ad inizio ripresa da un episodio che potrebbe costare caro ai padroni di casa: al 45’ Calderan viene colto in fallo professionale (placcaggio pericoloso) e spedito in panca puniti e i liguri ne approfittano immediatamente. É Sandri a centrare i pali per il 19-10 che comunque tiene ancora in corsa il Valsugana per un punto. Gli ospiti sentono che potrebbero farcela e costringono al fallo il Valsugana alle prese con il tentativo di uscire dalla propria metà campo. Il piazzato di Sandri al 64’ promuove virtualmente Genova che sul 19-13 ha più di un piede nella massima serie dopo 35 anni.

Non è finita e nella battaglia ruvida a centro campo, a due minuti dal termine, un fuori gioco ospite consegna un piazzato a Benetti. La distanza è ragguardevole, il campo è pesante e anche il vento crea qualche fastidio. Nel silenzio il cecchino trevigiano, ex Fiamme Oro, colpisce l’ovale quel tanto che basta per farlo rimbalzare sulla traversa e farlo cadere aldilà. Col 22-13 il Valsugana conquista la sua prima storica promozione nella massima serie e la finale al “Mirabello” di Reggio contro Verona, per l’assegnazione del titolo di campione della Serie A.

I tabellini dei due match.
Piacenza, Stadio “Beltrametti” – domenica 13 maggio 2018
Serie A, semifinale di ritorno
Sitav Lyons Piacenza vs Verona Rugby 3-13 (3-10)
Marcatori: p.t. 21’ m. Artuso tr. McKinney (0-7) , 27’ cp. McKinney (0-10), 33’ cp. Guillomot (3-10); s.t. 10’ cp. McKinney (3-13)
Sitav Rugby Lyons: Thrower; Via G. (35’ st. Conti), Forte, Subacchi, Bruno; Guillomot, Gherardi (5’ st. Via A.); Masselli, Cissè, Bance (29’ st. Benelli); Pedrazzani (25’ st. Merli), Tveraga (25’ st. Tarantini); Rapone (33’ st. Salerno), Rollero (18’-22’, 26’- 33’ p.t., 1’ st. Vaghini), Grassotti (33’ st. Vitiello).
All. Orlandi
Verona Rugby: Conor; Cruciani (33’ pt. Corso, 35’ st. Mariani), Pavan (35’ st. Neethling M.), Quintieri, Beltrame; McKinney, Soffiato (25’ st. Zago); Rossi, Riccioli, Artuso; Cattina (36’ st. Braghi), Montauriol; D’Agostino, Silvestri, Rizzelli (31’ pt. Furia, 20’-28’ st. Forzin, 29’-32’ st. Furia)
All. Zanichelli
Arbitro: Claudio Blessano
Punteggio acquisito in classifica: Lyons Piacenza 0; Verona Rugby 4
Andata: Verona Rugby v Sitav Lyons Piacenza 17-23 (1-4)
Classifica aggregata: Verona Rugby 5; Sitav Lyons Piacenza 4
Cartellini: 20’ pt. giallo a Gherardi (Sitav Rugby Lyons), 40’ ­+ 6 giallo a Braghi (Verona Rugby)
Promossa: Verona Rugby

Padova, Valsugana Rugby Club – domenica 13 maggio 2018
Serie A, semifinale di ritorno
Valsugana Rugby vs Cus Genova 22-13 (19-7)
Marcatori: p.t.  4’ cp. Benetti (3-0); 11’ cp. Benetti (6-0); 15’ m. Mills tr. Sandri (6-7); 32’ m. Lastra-Masotti tr. Benetti (13-7); 37’ cp. Benetti (16-7); 40’ cp. Benetti (19-7); s.t. 5’ cp. Sandri (19-10); 24’ cp. Sandri (19-13); 38’ cp. Benetti (22-13)
Valsugana Rugby: Paluello; Lisciani, Dell’Antonio, Calderan, Beraldin; Sartor, Benetti; Girardi (26’ st. Caldon), Rizzo (5’ st. Giacon), Maso (32’ st. Ferraresi); Sironi, Liut; Varise (11’ st. Paparone), Pivetta (cap), Lastra-Masotti (36’ st. Sanavia)
all. Roux
Cus Genova: Borzone; Salerno, Sandri, Ricca, Papini; Zini, Garaventa; Mills, Baldelli (14’ st. Ciranni), Imperiale F. (cap); Torchia (9’ st. Imperiale P.), Taylor; Cavallero (6’ st. Barry), Perini, Cattaneo (29’ st. Ghiglione)
all. Askew
Arbitro: Marius Mitrea
Cartellini: 5’ st. giallo Calderan (Valsugana)
Punteggio acquisito in classifica: Valsugana Rugby 4, CUS Genova 0
Andata: Cus Genova v Valsugana Rugby 25-17 (4-0)
Classifica aggregata: Valsugana Rugby 4; Cus Genova 4
Promossa: Valsugana Rugby per differenza punti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *