Valsugana Rugby premiato a Palazzo Moroni

Mercato: sicuro il rientro di Luca Roden dalle Fiamme Oro.
Nicola Benetti vorrebbe smettere ma la società sta lavorando per tenerlo.
Verranno valorizzati due-tre elementi della Under 18.

La squadra del Valsugana Rugby presso la Sala Consiliare di Palazzo Moroni a Padova (ph Enrico Daniele)

di Enrico Daniele
(foto del servizio di Enrico Daniele)

Una nutrita delegazione della prima squadra del Valsugana Rugby, accompagnata dal Presidente Franco Beraldin e dal tecnico Polla Roux con alcuni membri dello staff, è stata accolta a Palazzo Moroni nella mattinata di oggi dall’amministrazione comunale di Padova. Per l’occasione presenti il sindaco, Sergio Giordani, il suo vice, Arturo Lorenzoni e l’assessore allo sport Diego Bonavina. Il primo cittadino di Padova nel complimentarsi con la squadra, ha sottolineato quanto sia importante la promozione in Eccellenza del XV di Altichiero non solo dal punto di vista sportivo, ma anche per l’immagine della Città di Padova, definendo l’evento come una vera e propria azione di marketing. L’assessore Bonavina, come il sindaco lui stesso uomo di sport, ha elogiato la società del presidente Beraldin per l’enorme crescita effettuata in pochi anni, ricordando anche i tre successi delle Valsugirls (che hanno tenuto alto il valore anche nell’ultima finale, purtroppo persa contro Colorno) e della Under 18, in finale domenica prossima per il titolo italiano di categoria. Ha chiuso gli interventi il vicesindaco, Arturo Lorenzoni che, più dei suoi colleghi, è vicino al mondo della palla ovale avendo lui stesso praticato il rugby. Visibilmente contento, Lorenzoni ha riconosciuto alcuni vecchi compagni di gioco, ora dirigenti o tecnici del Valsugana.

Dopo i ringraziamenti all’Amministrazione del Presidente Franco Beraldin gli amministratori hanno consegnato la targa ricordo alla società e le medaglie a ciascuno dei giocatori presenti. Molti di loro non hanno potuto partecipare perché impegnati nei rispettivi lavori, a sottolineare il fatto che il Valsugana ha costruito il risultato perlopiù con giocatori dilettanti che conciliano il lavoro (che dà loro da vivere), lo studio e lo sport.

Il BRN ha incontrato uno dei senatori del gruppo, Chris Caporello (classe 1982) e uno tra i più giovani, Lorenzo Sturaro (classe 1999).

Uno dei senatori del gruppo, Chris Caporello, pilone classe 1982. Un passato in Eccellenza al Petrarca (ph Enrico Daniele)

BRN: Come ci si sente ad essere rientrati in Eccellenza dalla “porta di servizio”?

Caporello: É una bella soddisfazione. Dopo l’esperienza col Petrarca ho trascorso una stagione a Vicenza e questa è la terza con il Valsugana. Ho trovato un gruppo di tanti giovani e credo di essere stato utile mettendo a disposizione la mia esperienza.

BRN: Per il prossimo anno che obbiettivi hai?

Caporello: Sono a disposizione della squadra, compatibilmente con i miei impegni di lavoro. Credo comunque di poter garantire il mio impegno almeno per il 50%.

A Lorenzo Sturaro, un rodigino solo un anno fa campione d’Italia Under 18 col Petrarca, abbiamo chiesto come ci si sente ad aver raggiunto un traguardo così importante.

Lorenzo Sturaro (2-3 linea). Rodigino, cresciuto nelle giovanili del Petrarca dove ha vinto il campionato Under 18 nel 2017, da questa stagione al Valsugana (ph Enrico Daniele)

Sturaro: Inutile nascondere che è una bella soddisfazione. Il salto è stato grande ma ho cercato di dare il mio contributo conciliando lo studio con il campo.

BRN: Sei iscritto alla facoltà Ingegneria Meccanica, come vanno i tuoi esami?

Sturaro: Sono riuscito a dare tutti gli esami del primo semestre, sono contento.

BRN: Qualcuno dei tuoi ex compagni dopo la promozione in Eccellenza ti ha chiamato per farti i complimenti?

Sturaro: Con i miei compagni ho contatti molto frequenti nonostante oggi indossi una casacca diversa. Sì ho ricevuto molti attestati di stima.

Al Presidente Beraldin abbiamo chiesto notizie sul futuro del Valsugana:

Beraldin: Ci stiamo preparando a questa nuova avventura ben consapevoli che sarà più impegnativa di prima. Dovremmo giocare la Plebiscito, quindi lontano dal nostro campo abituale, con notevole impegno di mezzi e risorse. Abbiamo inoltrato domanda al comune in funzione di questo.

BRN: Vi state muovendo sul mercato?

Beraldin: Abbiamo riconfermato tutto lo staff della scorsa stagione e ci siamo accordati per il rientro di Luca Roden dalle Fiamme Oro. Stiamo valutando due seconde linee e una prima linea che abbiamo già individuato e speriamo di concludere l’accordo nei prossimi giorni. Sicuramente valorizzeremo due-tre giovani della Under 18.

BRN: E della vostra punta di diamante, Nicola Benetti? Le nostre info dicono che vorrebbe smettere.

Beraldin: Benetti è un uomo importante per noi, stiamo cercando di fargli trovare qualche stimolo in più per restare ed abbiamo fiducia che stia con noi anche per la prossima stagione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *