Preseason Top12: buona la prima uscita dell’Argos Petrarca, battuto Verona 5 mete a 1

Ottima prova anche della neo promossa che ha tenuto il pallino del gioco per molto tempo.

Il Petrarca in fase di riscaldamento: a sx Alberto Saccardo, dietro Davide Goldin. A destra Luca Nostran e Federico Conforti (ph Enrico Daniele)

di Enrico Daniele
(in copertina immagine di Redazione)

Inizia al meglio la stagione agonistica il nuovo Argos Petrarca Rugby. I Campioni d’Italia in carica hanno affrontato il Verona Rugby nel campo di Parona sconfiggendo la neo promossa squadra scaligera per 5 mete a 1.

Il match, diretto dal sig. Gianluca Gnecchi di Brescia, si è disputato sulla lunghezza di 3 tempi da 20’ ciascuno con cambi liberi, senza calci piazzati né trasformazioni. Nonostante l’ora tarda del kick-off, si è giocato con temperature molto alte che, tuttavia, non hanno condizionato più di tanto il gioco, apparso fluido e veloce. Prima dell’inizio, osservato un minuto di raccoglimento per onorare le vittime della tragedia di Genova.

La terna arbitrale con al centro l’arbitro Gianluca Gnecchi (ph Enrico Daniele)

Poche le fasi statiche, molto gioco alla mano seppur con qualche sbavatura da entrambe le parti. Va tenuto conto che le squadre erano al primo vero contatto con la palla dopo settimane di duro lavoro e complessivamente le prestazioni hanno soddisfatto entrambi i tecnici.

Verona si è dimostrata all’altezza dell’avversario, confermando le voci che la vogliono non come semplice sparring partner delle più quotate del Top12, ma una tra le probabili rivelazioni del prossimo campionato.

Primi 20’ minuti con i padroni di casa a produrre molto volume di gioco, senza tuttavia concretizzare. Più cinico il Petrarca che va in meta nell’unica occasione, sfruttando un errore di handling del Verona. È uno dei nuovi acquisti, Luca Zini, a raccogliere il pallone nella propria trequarti per filare dritto in meta.

Nella seconda frazione di gioco in evidenza un paio di giocate di Joaquin Riera, abile nelle penetrazioni difficili da comprendere per la difesa avversaria. Una di queste mette in condizione Tommaso Coppo di marcare la seconda meta, mentre nell’altra sarà lo stesso centro argentino a schiacciare oltre la linea per il parziale di 0-3. La quarta marcatura è di Federico Conforti, già in evidenza con una bella azione personale nel primo tempo, e sul finire di frazione l’unica meta dei padroni di casa ad opera di Darius Constantinescu che schiaccia in bandierina destra.

Chiude definitivamente il conteggio delle mete l’ultima del Petrarca: la segna nella terza frazione di gioco Andrea Trotta con il sostegno di capitan Alberto Saccardo.

Tanti i giocatori scesi in campo da entrambe le parti, molti gli ex schierati nel Verona (Marco Artuso, Mattia Zago, Vincenzo Delfino, Simone Soffiato, Luca d’Agostino, Jacopo Salvetti, Giacomo Bernini). Non entrati Alessandro Furia e Marco Neethling.

Nel Petrarca buone prove per i nuovi arrivati: Luca Zini, Michele Mancini Parri, Marco Broggin, Davide Goldin, Lodovico Manni. Bene anche gli aggregati che fanno parte della Cadetti (Andrea Gatto, Alessandro Belluzzo) e Francesco Favaro, Giacomo Belluco (poco impiegati nella scorsa stagione).

Non sono scesi in campo Michele Lamaro, Tommaso Cugini, Nicola Grigolon, Niccolò Fadalti, Riccardo Michieletto, Jeremy Su’a e Michele Rizzo. Assente Niccolò Cannone.

Ad assistere il match, tra le circa 200 persone (molte le presenze padovane) l’ex tecnico della Lafert San Donà Zane Ansell (ora responsabile tecnico dell’Accademia di Verona) e Simone Rossi, accolto calorosamente dai suoi ex compagni di squadra.

Prossimo test match per il Petrarca sabato 25 agosto a Reggio Emilia contro il Valorugby.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *