Rugby mercato: un pilone argentino all’Argos Petrarca

Si tratta di Cesar Francisco Trejo, tucumano già visto a Mogliano (e alla Guizza) nella ss. 2016-17.

Francisco Trejo nella foto di rito all’ingresso del Centro Sportivo Memo Geremia della Guizza (ph Enrico Daniele)

di Enrico Daniele
(in copertina foto di Enrico Daniele)

Dopo il trequarti australiano Leaupepe e la seconda linea argentina Galetto, l’Argos Petrarca ha presentato oggi alla Guizza un nuovo pilone.

Invocato a gran voce dalla tifoseria, la società bianconera condizionata dall’ennesimo infortunio nel reparto di prima linea (ndr, Rossetto fuori definitivamente dal derby contro Rovigo) è stata costretta a correre ai ripari, pescando nel grande bacino argentino.

Il nuovo arrivato, presentato stamattina alla Guizza, è Cesar Francisco Trejo, (San Miguel de Tucumàn, 2 aprile 1992, 178 cm per 108 kg.), pilone adattabile sia a destra che a sinistra dello schieramento.  Non è un volto nuovo per il nostro campionato perché era stato ingaggiato dal Mogliano a ottobre 2016 in sostituzione del pilone Taniela Koroi, rilasciato poi a fine stagione dal club trevigiano. Alla Guizza aveva giocato contro il Petrarca all’ottava giornata della ss. 2016-17 (14 gennaio 2017, Petrarca – Mogliano 38-0) ed era subentrato a Nicotera al 56′.

Arriva dalla prima squadra dell’Universitario Rugby Club di Tucumàn, della quale è anche stato il capitano. Recentemente ha fatto parte della rappresentativa di Tucumàn che in ottobre ha sconfitto in amichevole il Brasile 34-31.

Trejo va a coprire i vuoti in prima linea lasciati da Rossetto (infortunato), Acosta e Borean (squalificati). Stamattina ha già conosciuto Andrea Marcato e i suoi compagni, impegnati nella rifinitura in vista della gara di domani a Verona e, non appena espletate le formalità per il tesseramento, il giocatore sarà subito disponibile per la squadra.

Francisco Trejo in maglia Universitario R.C. di Tucumàn (ph dal profilo facebook del giocatore)

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *