Continental Shield: vince Rovigo ma passa il Calvisano che giocherà la finale contro l’Enisei STM

Bersaglieri troppo fallosi: ne approfitta il cecchino Pescetto.
Calvisano accede alla Challenge Cup 2019-20 per la miglior differenza punti e disputerà al finale contro l’ENISEI STM.
di Enrico Daniele
(in copertina foto Uff. Stampa Calvisano)

Non ce la fa a ribaltare il risultato dell’andata la Femi CZ Rovigo.

Davanti al proprio pubblico e contro un Kawasaki Robot Calvisano in formazione rimaneggiata, il XV di Umberto Casellato vince l’incontro per 30-28 cedendo però la qualificazione alla Challenge Cup 2019-20 alla squadra di Massimo Brunello che nella sommatoria dei due incontri (57-43) ha la miglior differenza punti.

Un Rovigo troppo falloso e “oltraggioso” nei confronti dell’arbitro inglese Ridley (per tre volte ha sanzionato coi 10 metri i polesani) ha dato lustro al piede di Pescetto. Il mediano d’apertura calvino ha tenuto in partita i suoi con un 8/8 (100%) dalla piazzola, mantenendo sempre molto chiusa la forbice del risultato. Rovigo ha avuto il massimo vantaggio solo al 68’ quando la meta di Cioffi trasformata da Chillon portava il risultato sul 30-18. Un +12 non sufficiente a ribaltare il +16 subito all’andata, tantopiù che le forze rossoblù andavano ad esaurirsi e Calvisano si spingeva oltre sino a chiudere i conti con la meta di Balocchi (l’unica calvina) arrotondata da Pescetto.

Il Kawasaki Robot Calvisano conquista così il premio in denaro (40.000 euro, perché materialmente pare che il trofeo Continental Shield di fatto non esista) e solo teoricamente potrà partecipare alla Challenge Cup 2019-20 perché la FIR probabilmente manderà (al massacro?) una selezione dei migliori giocatori del Top 12. Ad ogni modo, tutto col ben dell’inventario, nello stile di una competizione che alla fine è risultata inutile e senza senso.

Nell’altra finale il colpo era riuscito ai russi dell’Enisei STM che in mattinata avevano ribaltato la sconfitta subita all’andata, battendo i rumeni del Timisoara Saracens per 40-32 (58-52 il totale a favore dell’Enisei) che perciò disputeranno il match di finale contro il Calvisano.

Il tabellino del match.
Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – Sabato 20.04.2019
Continental Shield, Finale di ritorno
FEMI-CZ Rovigo v Kawasaki Robot Calvisano 30-28 (16-12)

Marcatori: p.t. 3’ c.p. Mantelli (3-0), 5’ c.p. Pescetto (3-3), 7’ m. Odiete non tr. (8-3), 10’ c.p. Pescetto (8-6), 15’ c.p. Mantelli (11-6), 21’ c.p. Pescetto (11-9), 22’ m. Majstorovic non tr. (16-9), 26’ c.p. Pescetto (16-12); s.t. 45’ c.p. Pescetto (16-15), 52’ m. Halvorsen tr. Mantelli (23-15), 63’ c.p. Pescetto (23-18), 68’ m. Cioffi tr. Chillon (30-18), 71’ c.p. Pescetto (30-21), 83’ m. Balocchi tr. Pescetto (30-28).

FEMI-CZ Rovigo: Odiete; Barion, Majstorovic, Antl, Cioffi; Mantelli (69’ Piva), Chillon; Halvorsen (73’ Parolo), Lubian (64’ Nibert), Vian; Ferro (cap.), Cicchinelli; D’Amico (69’ Pomaro), Momberg, Brugnara (61’ Vecchini). A disposizione: Rossi, Visentin, Borin.
All. Casellato, Properzi

Kawasaki Robot Calvisano: Bordoli (72’ Chiesa); Bruno, Facundo-Panceyra (72’ De Santis), Lucchin, Balocchi; Pescetto, Casilio (64’ Semenzato); Koffi, Martani (53’ Manfredi), Casolari; Venditti (64’ Cavalieri), Andreotti (cap); Biancotti (55’ Leso), Morelli (64’ Luccardi), Fischetti (64’ Brarda).
All. Brunello

Arb. Christophe Ridley (ENG)
AA1 Adam Leal (ENG), AA2 Hamish Smales (ENG)
Quarto Uomo: Simone Boaretto (ITA)
Quinto Uomo: Marco Panin (ITA
Calciatori: Mantelli (FEMI-CZ Rovigo) 3/6; Chillon 1/1; Pescetto (Kawasaki Robot Calvisano) 8/8
Cartellini: 17’ giallo a Panceyra-Garrido (Kawasaki Robot Calvisano)
Note: giornata soleggiata, con circa 23 gradi e vento assente, terreno in buone condizioni. Presenti circa 1400 spettatori.
Man of the Match: Thor Halvorsen (FEMI-CZ Rovigo)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *