Tutti i numeri della stagione dell’Argos Petrarca

Stagione chiusa con la sconfitta a Rovigo.
Nella video intervista l’analisi del DG Beppe Artuso.

Giuseppe “Beppe” Artuso, DG dell’Argos Petrarca Rugby nell’intervista di fine stagione rilasciata al nostro sito (ph Redazione BRN)

di Enrico Daniele
(in copertina foto di Franco Cusinato)

L’Argos Petrarca Rugby ha chiuso la stagione agonistica 2018-19 con la sconfitta nel 166° Derby d’Italia giocato al Battaglini di Rovigo, valido per l’accesso alla finale scudetto.

Una stagione per certi versi tormentata (a causa delle numerose assenze) quella del XV Campione d’Italia, che non potrà perciò difendere il tricolore vinto a maggio, lasciando l’ “incombenza” alle due rivali che hanno caratterizzato la maggior parte delle finali scudetto delle ultime stagioni, Calvisano e Rovigo.
Possiamo quindi tirare le somme in casa Petrarca e vedere cosa ci dicono le statistiche individuali di ciascun giocatore.

Clicca qui per la video intervista a Beppe Artuso.

ROSA
Andrea Marcato ha potuto utilizzare nel corso della stagione ben 43 giocatori (25 avanti e 18 trequarti), su una rosa di partenza composta da 38 giocatori. A questi, infatti, per varie motivazioni (in primis gli infortuni e poi i due cartellini rossi che hanno precluse molte gare a due giocatori di prima linea), si sono aggiunti 2 giocatori in rosa con la Cadetti (Marco Broggin e Gianmaria Polliero) oltre agli ingressi successivi all’inizio del campionato: nell’ordine, Angelo Leaupepe, Diego Galetto e Francisco Trejo.

Da segnalare le defezioni per infortunio più importanti: Pedro Ortega, tornato in argentina durante il periodo natalizio a causa dell’infortunio al braccio; Michele Lamaro (stagione finita per infortunio al ginocchio alla 14a giornata); Nicola Grigolon (infortunatosi ai primi di novembre e rientrato solo alla penultima giornata); Luca Nostran (infortunio alla spalla alla 6a giornata e stagione finita); Jody Rossetto (infortunio alla spalla alla 13a giornata e stagione finita); Joaquìn Riera (infortunio al menisco e operazione a 5 giornate dal termine, rientrato per la seconda semifinale). Altri infortuni minori hanno tenuto fermi altri giocatori, oltre a Edoardo Navarra che è stato mandato in prestito al Verona Rugby nel corso della stagione.

ETA’
Il giocatore più anziano del gruppo è Michele Rizzo (pilone classe 1982, 36 anni compiuti a settembre 2018), mentre il più giovane è Davide Goldin (terza linea classe 2000, 19 anni compiti il 2 gennaio).

PRESENZE
L’Argos Petrarca Rugby è stato impegnato su due fronti: Campionato e play off, e Continental Shield.
In termini assoluti, il maggior numero di presenze va ad Andrea Trotta: 26 in totale, con 20 nel Top12, 4 in Continental Shield e 2 nei play off. (nbi numeri tra parentesi si riferiscono a campionato+continental shield+play off).
Con 25 presenze seguono: Federico Conforti (19+4+2) e Filippo Gerosa (21+3+1); 23 presenze per Tommaso Cugini (18+3+2) e Alberto Saccardo (18+3+2).

MINUTAGGI
Al netto delle espulsioni (temporanee o definitive) o delle sostituzioni (temporanee per infortunio o definitive), in totale i giocatori del Petrarca sono rimasti in campo 33.396 minuti: 26.202 in Top12, 4.794 in Continental Shield e 2.400 nei play off. Nell’ordine, i tre giocatori col minutaggio più alto sono: Andrea Trotta, 1.843’ (1.410’+273’+160’); Federico Conforti, 1.734’ (1.278+298’+158’); Joaquìn Andrès Riera, 1.574’ (1.203’+291’+80’). Rilevanti i minutaggi di Andrea Menniti Ippolito (1.468’), Andrea Bettin (1.437’) e Tommaso Coppo (1.417’).
Il minor numero di minuti giocati va a Gianmaria Polliero (4’), Francisco Cesar Trejo (34’) e Marco Broggin (80’).

PUNTEGGI
In tutto l’arco della stagione il Petrarca ha totalizzato 622 punti: 482 nella stagione regolare del Top12, 121 in Continental Shield e 19 nei play off.
I tre maggiori realizzatori, grazie anche al fatto che sono tre “calciatori”, sono nell’ordine: Andrea Menniti Ippolito, 135 pt (96+27+12); Niccolò Fadalti, 71 pt (52+19+0); Simone Ragusi, 54 pt (54+0+0).

DROP, CALCI PIAZZATI E TRASFORMAZIONI
Nel calcio di rimbalzo (drop) si conferma specialista Andrea Menniti Ippolito, “Mister Drop” la scorsa stagione (memorabili i due drop nella finale scudetto) e miglior realizzatore anche in questa, con 6 drop (4+1+1). Anche Fadalti ne ha realizzato uno.
Gli specialisti dell’Argos Petrarca dalla piazzola quest’anno sono quattro. Menniti Ippolito ha centrato 18 calci piazzati (13+2+3) e 29 trasformazioni (20+9+0); Fadalti 6 calci piazzati (4+2+0) e 20 trasformazioni (16+4+0); Ragusi 10 calci piazzati (10+0+0) e 2 trasformazioni (2+0+0). Anche Riera ha avuto un’occasione di tiro dalla piazzola, mettendo a segno una trasformazione in Top12.

METE
Bottino di mete non esaltante, rispetto alle dirette concorrenti del Petrarca in campionato (106 Rovigo, Calvisano 90): 77 marcature, comprese 2 mete di punizione segnate in campionato.
Metaman di stagione Tommaso Coppo con 10 mete (89+2+0). Secondo Angelo Leaupepe con 9 mete, tutte in Top12. Marco Capraro e Joaquìn Riera 5 mete a testa (4+1+0).

MAN OF THE MATCH
Sono nove i giocatori che hanno ricevuto a fine gara la cravatta FIR.
Federico Conforti ne ha collezionate ben 4, il numero maggiore nel Top12 (eguagliato da Cardiff Vaega del Valorugby). Andrea Trotta 3 nomine, Tommaso Coppo e Angelo Leaupepe 2 nomine. Capraro, Fadalti, Manni, Menniti Ippolito e Ragusi hanno una nomina a testa.
Complessivamente i giocatori del Petrarca hanno ricevuto 16 nomine, dopo il Valorugby (18), Calvisano (17) e prima di Rovigo (15).

CARTELLINI GIALLI
Le espulsioni temporanee sono state in tutto 18 (14+4+0) e hanno riguardato 12 giocatori del Petrarca. Gerosa, Mancini Parri e Ragusi ne hanno ricevuti 2 a testa.

CARTELLINI ROSSI
Hanno pesato parecchio sia il cartellino rosso a Damiano Borean (4 mesi) che la squalifica di Romulo Acosta (che non ha ricevuto il rosso perché l’infrazione è avvenuta a gara già ultimata – 8 settimane) perché sono venuti a mancare due fondamentali uomini di mischia. Pesano meno il cartellino rosso a Mancini Parri (espulso all’ultimo minuto della gara di Continental Shield in Belgio – una giornata di squalifica) e quello a Ragusi (doppio giallo nel match di campionato a Calvisano – una giornata di squalifica).

Nella tabella qui sotto il quadro complessivo delle statistiche aggiornate alla gara di ritorno delle semifinali, ultima della stagione sportiva 2018-19 del Petrarca.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *