Under 18: l’Argos Petrarca ha la testa in finale, vince il Kawasaki Robot Calvisano

Sonora sconfitta al Pata Stadium 47-17.
Nel girone 2 I Medicei espugnano il campo della UR Capitolina e volano in finale.
di Enrico Daniele
(in copertina foto di Gian Carlo Garbo)

Sarà il Toscana A. I Medicei l’avversario dell’Argos Petrarca Rugby nella finale che domenica prossima assegnerà il titolo di Campione d’Italia Juniores. Alla squadra gigliata, infatti, è riuscito il colpaccio sul campo della UR Capitolina, battuta 7-3 grazie ad una meta d’intercetto. Quattro i punti in classifica per i toscani che scavalcano i romani e staccano il pass per la finale.

Brutto stop per l’altra finalista, l’Argos Petrarca Rugby, battuta al Pata Stadium dal Kawasaki Robot Calvisano per 47-17.

Una sonora batosta, anche se ininfluente ai fini della classifica finale, per gli uomini di Giovanni Maistri che non perdevano da novembre 2018, il cui solo alibi sono state le tante assenze dovute ad un massiccio turnover operato saggiamente dal tecnico in vista della finale di domenica prossima. Infatti, sul risultato, hanno pesato le assenze di Ferrarin, Gregori, Tognetti, Sottoriva, degli indisponibili Brevigliero e Goldin (entrambi infortunati), ed il relativo utilizzo di Fioriti, Russo, Longhin, Libero e Di Bartolomeo, quest’ultimi due entrati in gara solo per pochi minuti.

Al fischio del direttore di gara, il sig. Fabio Arnone di Livorno, per l’occasione coadiuvato dagli assistenti di linea bresciani Filippo Bertelli e Lorenzo Pedezzi, il termometro segnava oltre 30°C, ma le due squadre hanno impostato un ritmo di gioco molto elevato. Parte il Petrarca che mette subito pressione agli avversari con Miolo che ruba un pallone e lancia Raccanello. Un paio di calcetti a seguire lungolinea ed un rimbalzo favorevole per l’agile estremo padovano che marca la prima meta dell’incontro non trasformata da Garbo. La risposta dei padroni di casa è pressoché immediata: Stetco si fa trovare libero al largo ed è facile per lui posare oltre la linea di meta. Regonaschi mette in mezzo ai pali la trasformazione del 7-5. Ora è il Calvisano a mettere pressione al Petrarca che trova però un break con Regazzo che si porta sin dentro i 22 calvini, ma non succede nulla. Al 20’ Raccanello si infortuna e viene sostituto da Canova e poco dopo è ancora Calvisano ad andare giù pesante con una bella meta sotto i pali al 25’. Sul 14-5 il Petrarca sembra scosso, tuttavia cerca di difendere come può, capitolando però ancora una volta al 27’ per una palla stoppata a pochi metri dalla linea di meta. Regonaschi ha un buon piede e Calvisano allunga: 21-5. Il Petrarca rialza la testa poco dopo con un bel contrattacco che porta in meta Zamprotta. Stavolta Garbo centra i pali: 21-12. Prima della fine del tempo, però, sono i padroni di casa a marcare due volte e a scavare un solco che il Petrarca non riuscirà più a colmare: al 32’ è Izekor ad uscire palla in mano da una mischia ordinata e schiacciare in meta, mentre al 34’ un errore di ricezione di Maccarini costa la quinta marcatura del Calvisano che va al riposo in vantaggio sul 35-12.

Al rientro Maistri gioca la carta Russo per Beltrame e al 41’ da una touche sui 5 metri calvini, con palla messa in cassaforte dal Petrarca, parte il carrettino che non lascia scampo ai padroni di casa. La meta è di Peggion e sarà l’ultima del Petrarca. Al 47’ Marcellan fa rifiatare Fioriti e al 51’ ancora meta trasformata per i padroni di casa che allargano ulteriormente la forbice del risultato: 42-17.

Il Petrarca è stanco ed è messo in crisi anche per qualche infortunio, fortunatamente non grave. Al 53’ Peggion lascia il posto a Di Bartolomeo, mentre al 62’ è Libero a sostituire Baldo, quando Miolo si becca un giallo per reiterati falli in chiusa. Al 67’ l’ultima marcatura di giornata del Calvisano che chiude lo score sul 47-17. Prima della fine ancora un giallo al Petrarca: stavolta tocca a Libero lasciare anzitempo il terreno di gioco per un placcaggio pericoloso.

Brutta sconfitta, seppur indolore, che mette coi piedi per terra un Argos rimaneggiato ma fin troppo abituato a vincere.
È evidente che la finale acquisita con una giornata d’anticipo ha giocato la sua parte nella testa dei ragazzi, tuttavia, consapevoli che domenica prossima sarà tutta un’altra storia.

Il campo di gara non è ancora stato definito ma pare che sia Reggio Emilia la destinazione più probabile, anche se lo stesso Pata Stadium potrebbe essere il teatro del match che assegnerà il titolo tricolore.

Nell’altra gara del girone 1 vittoria della Benetton Treviso a Milano sull’ASR Milano 26-0 e nel girone 2 vittoria della Roma Legio Invicta 28-17 sulla SS. Lazio.
Le formazioni scese in campo a Calvisano, le marcature e le sostituzioni. In fondo le due classifiche finali.

Calvisano, Pata Stadium, 2 giugno 2019
Campionato Nazionale Under 18 – fase nazionale.
Kawasaki Robot Calvisano vs Argos Petrarca Rugby 47-17 (35-12)

Marcatori: p.t. 10’ m. Raccanello (0-5), 15’ m. Stetco tr Regonaschi (7-5), 25’ m. Calvisano tr Regonaschi (14-5), 27’ m. Calvisano tr. Regonaschi (21-5), 29’ m. Zamprotta tr Garbo (21-12), 32’ m. Izekor tr. Regonaschi (28-12), 34’ m. Calvisano tr. Regonaschi (35-12); s.t. 39’ m. Peggion (35-17), 51’ m. Genovese tr. Regonaschi (42-17), 67’ m. Izekor (47-17).

Kawasaki Robot Calvisano: Chiarini; Stetco, Regonaschi (cap), Conti, Ferrari; Sardo L., Medaina; Izekor, Pisoni, Valgonio; Buccella, Genovese; Caravaggio, Bosetti, Cristini.
A disposizione: Premi, Richelli, Maraviglia, Consoli, Sardo M., Fornari
Allenatore: Danilo Beretta

Argos Petrarca Rugby: Raccanello (20’ Canova, 62’ Lazzarin); Zamprotta, Maccarini (70’ Canova), Beltrame (35’ Russo), Giuriatti; Regazzo (cap), Eterno; Garbo, Benvegnù, Fioriti (47’ Marcellan); Miolo, Bellon (25’ Longhin); Baldo (62’ Libero), Peggion (53’ Di Bartolomeo), Casson.
Allenatore: Giovanni Maistri.

Arbitro: Fabio Arnone (Livorno)
AA1 Filippo Bertelli (Brescia)
AA2 Lorenzo Pedezzi (Brescia)
Cartellini: 62’ giallo Miolo (Argos Petrarca Rugby), 68’ giallo Libero (Argos Petrarca Rugby)
Calciatori: Regonaschi (Kawasaki Robot Calvisano) 6/7; Garbo (Argos Petrarca Rugby) 1/3.
Note: giornata calda e soleggiata, temperatura 30°C, campo in ottime condizioni, spettatori circa 150.
Punti conquistati in classifica: Kawasaki Robot Calvisano 5, Argos Petrarca Rugby 0.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *