Petrarca e Rovigo vincono le sfide incrociate contro le romane

Vittoria dei padovani contro le Fiamme Oro, 30-13.
Rovigo a mani basse contro la Lazio, 45-11.
A Reggio vince il Valorugby 23-17, ma Mogliano disputa un’ottima gara.
Ora stop al campionato, sino al 21 marzo, e via ai recuperi.
I risultati e la classifica.

Mogliano ad un passo dal successo al Mirabello contro il Valorugby (ph Alfio Guarise)

di Enrico Daniele
(in copertina Tommaso Coppo – ph Fotovale)

Vittoria delle venete nello scontro incrociato contro le romane nella tredicesima giornata del TOP10.
L’Argos Petrarca vince la classicissima sfida contro le Fiamme Oro, sconfitte a Padova per 30-13. Il XV di Marcato e Jimenez incassa il nono successo consecutivo su nove match disputati, mantenendo così la testa della classifica in condivisione con la Femi CZ Rovigo, vincitrice a mani basse a Roma contro la Lazio per 45-11.
Sfiora il colpaccio anche il Mogliano, autore di una bella gara in quel di Reggio Emilia dove a vincere però è stato il Valorugby per 23-17.

PETRARCA, BELLA VITTORIA CON UNA PARI GRADO
All’Argos Arena il Petrarca ha trovato pan per i suoi denti contro le Fiamme Oro che hanno più volte messo in difficoltà il forte pack bianconero come, probabilmente, solo Rovigo era riuscito in questa stagione.

I cremisi di coach Craig Green schieravano davanti gli ex Zago a sinistra e Vannozzi (tricolore col Petrarca nel 2018) a destra che assieme a Kudin hanno dato qualche grattacapo in più a Pavesi e Franceschetto con Makelara al centro della prima linea del Petrarca, infliggendo anche una meta di punizione, pur concessa con un po’ di manica larga (a nostro modesto parere)  dal direttore di gara, Marius Mitrea.

Dopo un avvio con lo sfortunato intercetto di Fadalti al 2’ (chiara occasione di meta), sono i poliziotti a creare i primi veri pericoli con Guardiano che sfrutta un buco di Marinaro ma non riesce a schiacciare in meta. Sarà quindi Azzolini al 6’ a mettere i primi punti sul tabellino cremisi da punizione sui 22 del Petrarca. Ancora un fallo a terra dei bianconeri concede il bis all’apertura delle Fiamme Oro che centra i pali al 15’ per il parziale di 6-0.

La sveglia del Petrarca suona al 18’: da penal touche sicura la presa aerea di capitan Trotta, palla a Tebaldi e calcetto a seguire per Coppo che scivola via in slalom tra le maglie avversarie e posa in meta. Lyle arrotonda e Petrarca avanti 7-6.

La replica del Petrarca al 25’ con Faiva imbeccato da Coppo dopo un off load alto di Trotta. Il nazionale tongano mette in bandierina di sinistra una meta che Lyle non riuscirà a capitalizzare del tutto.

Al 30’ fallo di De Masi sull’uomo a terra e le proteste costano al Petrarca l’arretramento di dieci metri. Pericolo scampato per la sfortunata trasformazione, corta, di Azzolini.
La prima frazione si chiude sul punteggio di 12-6 per il Petrarca.

Secondo tempo contraddistinto dal giallo a Ghigo al 41’ che lascia in quattordici il Petrarca. Le Fiamme Oro ne approfittano per aumentare la pressione. Al 45’ la meta di punizione assegnata da Mitrea dopo una rotazione del pacchetto di mischia del Petrarca giudicata eccessiva sulla spinta cremisi. Con le Fiamme Oro di nuovo avanti 13-12 la reazione del Petrarca che fa cadere in fallo l’avversario. Sul tenuto a terra cremisi, Lyle mette tra i pali la punizione del 15-13. Al 54’ rimessa laterale in attacco presa per i capelli dal Petrarca e sul rapido cambio di fronte imbeccata di Lyle per Fadalti che posa l’ovale oltre meta sull’out di destra. Lyle non trasforma ma il Petrarca allarga la forbice portandosi sul 20-13. Possibilità di accorciare per le Fiamme Oro al 64’: il fallo a terra è di Cannone ma Azzolini fallisce la trasformazione del piazzato. Su ribaltamento di fronte anche Lyle fallisce una punizione dalla lunga distanza al 73’ ma non sbaglia quella al 76’, dopo un giallo a Ugo D’Onofrio, segnatura che mette al riparo il risultato. Sul 23-13 il Petrarca ha pochi minuti per cercare la meta del bonus. Il cronometro segna già oltre l’80’ quando Trotta arpiona una rimessa laterale al limite dei 22 cremisi. Panunzi cerca di infilarsi ma viene messo a terra e poi c’è un susseguirsi di percussioni chiuse da una penetrazione di De Masi favorita però da un velo. Mitrea assegna la mischia alle Fiamme Oro dentro i propri 22 ma ora non ci sono più né ZagoVannozzi tra i poliziotti ed è il Petrarca a comandare in mischia con dentro ancora Pavesi e Franceschetto. Sull’ introduzione di Marinaro la spinta del Petrarca è possente, Cannone ruba palla, Manni raccoglie e va in meta sotto i pali, quella del bonus. Lyle (Player Of The Match) trasforma agevolmente per il 30-13 finale che tiene in testa alla generale il Petrarca in condivisione con Rovigo.

Finalmente una gara piacevole, robusta nelle fasi statiche e con un discreto movimento di palla da entrambe le parti. Il Petrarca ha affrontato una “pari grado” con una buona dose di solidità mentale (che le ha fruttato la meta a tempo scaduto). Le Fiamme Oro, un po’ indietro nella generale, avendo vinto solo tre gare, perse sei, ma pareggiato l’ultima impegnativa contro Calvisano nel turno precedente, hanno confermato un segno di una ripresa nella forma. Nelle prossime soste (il campionato riprenderà il suo percorso il 21 marzo) ghiotta occasione per il Petrarca, impegnato nei recuperi, per allungare il passo sulle dirette avversarie.
Il tabellino del match.
Padova, Argos Arena – domenica 14 febbraio 2021 – ore 15:00
Peroni TOP10, XIII giornata
Argos Petrarca v Fiamme Oro Rugby 30-13 (12-6)
Marcatori: p.t. 6’ cp Azzolini (0-3), 15’ cp Azzolini (0-6), 18’ m Coppo tr Lyle (7-6), 25’ m Faiva (12-6). S.t. 45’ m di punizione FF.OO (12-13), 47’ cp Lyle (15-13), 57’ m Fadalti (20-13), 76’ cp Lyle, 83’ m Manni tr Lyle (30-13).
Argos Petrarca: Lyle; Fadalti (57’ Colitti), De Masi, Broggin, Coppo; Faiva, Tebaldi (65’ Panunzi); Trotta (Cap.), Cannone, Nostran (V.Cap.) (74’ Manni); Ghigo, Bonfiglio (74’ Beccaris); Pavesi, Makelara (57’ Carnio), Franceschetto.
Allenatori: Marcato, Jimenez
Fiamme Oro Rugby: Spinelli; Guardiano, Vaccari, Gabbianelli (67’ Cornelli), Forcucci; Azzolini (77’ Di Marco), Marinaro (Cap.); Cornelli, D’Onofrio, Chianucci (60’ De Marchi); Stoian, Fragnito (67’ Angelone); Vannozzi (67’ Tenga), Kudin (74’ Moriconi), Zago (77’ Mariottini).
Allenatore: Craig Green
Arbitro: Marius Mitrea (Udine)
AA1 Liperini (Livorno), AA2 Franco (Pordenone)
Quarto Uomo: Penné (Milano)
Cartellini: s.t. 41’ giallo a Ghigo (Argos Petrarca), 75’ giallo a D’Onofrio (Fiamme Oro)
Calciatori: Lyle (Argos Petrarca) 3/5; Azzolini (FF.OO.) 2/4
Punti conquistati in classifica: Argos Petrarca 5 Fiamme Oro 0
Note: giornata fredda e soleggiata. Match giocato a porte chiuse.
Peroni Player of the Match: Scott Lyle (Argos Petrarca)

ROVIGO PROBLEMI ZERO
Non ha avuto grossi problemi la Femi CZ Rovigo all’Acqua Acetosa nel match odierno contro la Lazio, sconfitta largamente per 45-11.

Dopo un primo tempo combattuto, la Lazio ha ceduto presto il passo ad una delle candidate alla vittoria finale che si è dimostrata concreta e solida, come c’era da aspettarsi.

Quattro le mete del Rovigo nel primo tempo (doppietta di Vian, una di punizione e una di Cozzi) a contrastare i due piazzati di Montemauri e la meta di Leiger per il bottino di giornata dei padroni di casa. Nel secondo tempo mete di Greef e doppietta di Mtyanda. Da Menniti Ippolito gli arrotondamenti dalla piazzola.

Rovigo si conferma in testa alla classifica e nella sosta da qui al 21 marzo avrà l’occasione di incrementare il punteggio con il recupero del match sempre contro la Lazio, stavolta al Battaglini.
Il tabellino della gara.
Roma, “CPO Giulio Onesti” – domenica 14 Febbraio 2021 – ore 14:00
PeroniTOP10 – XIII giornata
S.S. Lazio Rugby 1927 v Femi CZ Rugby Rovigo Delta 11-45 (11-24)
Marcatori: p.t. 1’ cp Montemauri (3-0), 6’ m. Vian (3-5), 10’ cp Montemauri (6-5), 19’ m. Vian tr Menniti Ippolito (6-12), 27’ m. tecnica Rovigo (6-19), 34’ m. Leiger (11-19), 39’ m. Cozzi (11-24) s.t. 63’ m. Greef tr Menniti Ippolito (11-31), 66’ m. Mtyanda tr Menniti Ippolito (11-38), 70’ m. Mtyanda tr Menniti Ippolito (11-45)
S.S Lazio Rugby 1927: Bonifazi; Scardamaglia, Mattoccia, Baffigi (10’ Marocchi); De Gaspari, Montemauri, Esteki (60’ Cristofaro); Duca (70’ Gisonni); Marucchini (50’ Wagner), Ercolani (55’ Ulisse); Asoli, Damiani (67’ Colangeli); Leiger (60’ Liguori), Ferrara, Zileri (60’ Giusti).
Allenatore: Carlo Pratichetti
Femi-CZ Rugby Rovigo Delta: Cozzi; Uncini, Moscardi (55’ Mastandrea), Antl; Cioffi, Menniti Ippolito; Trussardi (30’ Visentin); Greeff; Lubian (41’ Sironi), Vian; Mtyanda, Mantovani (50’ Steolo); Swanepoel (48’ Leccioli), Nicotera (48’ Cadorini), Pomaro (48’ Rossi)
Allenatore: Umberto Casellato
Arbitro: Manuel Bottino (Roma)
AA1 Elia Rizzo (Ferrara), AA2 Luigi Palombi (Perugia)
Quarto Uomo: Giuseppe Ruta (Perugia)
Calciatori: Andrea Menniti Ippolito (Femi CZ Rugby Rovigo Delta) 5/6, Giovanni Montemauri (S.S. Lazio Rugby 1927) 2/3
Note: giornata soleggiata a Roma.
Punti conquistati in classifica: S.S. Lazio Rugby 1927 0, Femi CZ Rugby Rovigo Delta 5
Peroni Player of the Match: Carel Greeff (Femi CZ Rugby Rovigo Delta)

MOGLIANO AD UN PASSO DALL’IMPRESA
Un Mogliano a testa alta e ad un passo dal compiere una memorabile impresa. Ecco il sunto della gara al Mirabello contro il Valorugby, una delle maggiori forze di questo campionato, tenuta in pugno dalla squadra di Costanzo e Basson per buona parte del match, giocato con una solida difesa ed un attacco brillante. Il Valorugby riusciva a risolvere la partita solo negli scampoli finali grazie al piede preciso di Davide Farolini (Player Of The Match) puntuale nel finalizzare i falli concessi dal Mogliano. Quattro punizioni centrate dal 46’ al 75’ che hanno ribaltato il vantaggio di 17-11 per Mogliano dopo il calcio di punizione di Brian Ormson all’inizio del secondo tempo. Forse è mancata anche un po’ di concentrazione in più al XV trevigiano, cui sta sicuramente stretto il pur meritatissimo punto di bonus. Prossimo impegno la proibitiva trasferta a Calvisano nel recupero della prima giornata.
Il tabellino del match.
Reggio Emilia, Stadio “Mirabello” – domenica 14 febbraio 2021- ore15:00
Peroni TOP10, XIII giornata
Valorugby Emilia v Mogliano Rugby 23 – 17 (11-14)
Marcatori: p.t. 5’ c.p. Ormson (0-3), 15’ c.p. Farolini (3-3), 20’ c.p. Farolini (6-3), 24’ c.p. Ormson (6-6), 29’ m. Lamanna (6-11), 33’ c.p. Ormson (6-14), 37’ m. Luus (11-14); s.t. 43’ c.p. Ormson (11-17), 46’ c.p. Farolini (14-17), 67’ c.p. Farolini (17-17), 69’ c.p. Farolini (20-17), 75’ c.p. Farolini (23-17).
Valorugby Emilia: Farolini; Bertaccini, Majstorovic, Vaega, Paletta; Rodriguez (20’ Falsaperla), Chillon (58’ Fusco); Amenta, Conforti (67’ Favaro), Mordacci (cap) (75’ Devodier); Dell’Acqua, Du Preez (43’ Balsemin); Randisi, Luus (60’ Gatti), Muccignat (43’ Romano)
Allenatore: Roberto Manghi
Mogliano Rugby: Ormson; Abanga (75’ Stella), Dal Zilio, Drago (67’ Cerioni), Guarducci; Da Re, Garbisi (67’ Piva); Derbyshire (75’ Zanatta), Corazzi (cap), Lamanna; Baldino, Sutto (75’ Sutto); Alongi (55’ Michelini), Bonanni (75’ Ceccato A.), Appiah (63’ Ceccato N.)
Allenatori: Costanzo e Basson
Arbitro: Ricardo Angelucci (Livorno)
AA1 Boraso (Rovigo), AA2 Sgardiolo (Rovigo)
Quarto Uomo: Paparo (Bologna)
Cartellini: al 36’ giallo a Corazzi (Mogliano Rugby), al 44’ giallo a Majstorovic (Valorugby Emilia)
Calciatori: Farolini (Valorugby Emilia) 6/7; Ormson (Mogliano Rugby) 4/5
Note: giornata soleggiata, ma fredda con circa 2 gradi. Partita disputata in assenza di pubblico.
Punti conquistati in classifica: Valorugby Emilia 4, Mogliano Rugby 1
Player of the Match: Davide Farolini (Valorugby Emilia)

LE ALTRE GARE
Vittoria del Kawasaki Robot Calvisano nel derby lombardo contro il Viadana per 35-18. Calvini che si prendono la rivincita della gara persa all’andata, conquistano cinque punti in classifica e scavano un solco di nove lunghezze dalla quinta.
Vince il derby emiliano di ritorno la Sitav Lyons battendo l’HBS Colorno per 29-24.

CLASSIFICA
Si compatta maggiormente il quartetto di testa, con Petrarca e Rovigo al comando, il Valorugby che perde un punto rispetto le prime due e Calvisano che chiude la zona play off. Mogliano si conferma quinta forza. Ulteriori assestamenti della classifica, ancora provvisoria, dai prossimi recuperi prima della ripresa del campionato prevista per il 21 marzo prossimo.

41 Femi-CZ Rovigo*, Argos Petrarca Rugby****
36 Valorugby Emilia**
32 Kawasaki Robot Calvisano***
23 Mogliano Rugby 1969***
22 Sitav Rugby Lyons
21 Rugby Viadana 1970***
18 Fiamme Oro Rugby***
13 HBS Colorno**
1 Lazio Rugby 1927*****
*partite in meno
HBS Colorno 4 punti di penalizzazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *