Vittorie con bonus di Petrarca e Rovigo contro le romane

Al Battaglini finisce 40-17.
A Roma successo del Petrarca contro le FFOO: 29-21
Rinviato al 3 aprile il recupero tra Viadana e Mogliano.
I risultati e la classifica aggiornata.

Cadorini e Mtyanda in azione contro la Lazio al Battaglini (ph uff.stampa RRD)

di Enrico Daniele
(in copertina foto di Paolo Cerino)

Due successi per Petrarca e Rovigo, le venete che oggi affrontavano i turni di recupero contro le romane, incontrate solo 20 giorni fa, mentre il Mogliano non è partito alla volta di Viadana a causa della positività riscontrata in alcuni membri del team trevigiano. Gara rinviata il 3 aprile prossimo.

ROVIGO VITTORIA E SECONDO POSTO
Apriva le gare di oggi il match del Battaglini dove la Femi CZ Rovigo ha avuto la meglio sul fanalino di coda Lazio, sconfitto 40-17.

Non senza qualche preoccupazione, però, perché la Lazio di oggi ha saputo mettere in difficoltà in più di qualche occasione i rossoblù ed è stata capace di marcare tre mete, che non sono poca cosa se consideriamo che giocavano al Battaglini e contro un avversario di caratura nettamente superiore.

Il tabellino del match viene mosso dal Rovigo solo nel secondo quarto di gara, con una meta al largo di Moscardi trasformata da Menniti Ippolito al 19’. Fatica Rovigo a trovare il giusto passo, complice l’avversario che non si è mai sentito inferiore ai più quotati padroni di casa.

Al 26’ la galoppata di Bacchetti finisce in mezzo ai pali e al 37’ Citton chiude le marcature dei padroni di casa. Entrambe le mete trasformate da Menniti Ippolito. Prima del termine della prima frazione, onore alla Lazio per la bella azione finalizzata in meta da Marucchini e trasformata da Granella.

Le squadre vanno al riposo sul 21-7.

Ottimo avvio di ripresa della Lazio che difende bene e riesce a sventare gli attacchi del Rovigo. Al 58’ i biancocelesti accorciano nuovamente le distanze andando in meta al largo con Bossola per il parziale di 21-12, prendendo fiducia e togliendo spazio agli avversari.

Tuttavia, Rovigo riesce a marcare ancora con Uncini al 62’, servito al largo da una iniziativa personale di Antl. La quarta meta di fatto chiude il match anche se nell’ultimo quarto d’ora Rovigo allarga il divario con due mete (69’ Cioffi e 80’ Vian, Player Of The Match). Ma a tempo scaduto ospiti ancora in meta con Di Giammarco. Finisce così 40-17 e con i cinque punti conquistati il Rovigo si attesta al secondo posto in solitaria nella classifica generale. Poco soddisfatto a fine gara il tecnico Casellato per le tre mete concesse alla cenerentola del campionato e per la troppa indisciplina. Termina così la serie dei recuperi per Rovigo, a differenza del Petrarca che ne ha ancora due, del Calvisano e del Valorugby, ancora indietro di una gara ciascuno.

Il tabellino del match.
Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – sabato 6 marzo 2021
Peroni TOP10, recupero IV giornata
FEMI-CZ Rovigo v Lazio Rugby 40-17 (21-7)
Marcatori: p.t. 19’ m. Moscardi tr. Menniti-Ippolito (7-0), 26’ m. Bacchetti tr. Menniti-Ippolito (14-0), 37’ m. Citton tr. Menniti-Ippolito (21-0), 40’ m. Marucchini tr. Granella (21-7); s.t. 58’ m. Bossola (21-12), 61’ m. Uncini tr. Menniti-Ippolito (28-12), 69’ Cioffi (33-12), 80’ m. Vian tr. Menniti-Ippolito (40-12), 83’ m. Di Giammarco (40-17).
FEMI-CZ Rovigo: Cozzi (48’ Borin); Cioffi, Moscardi (53’ Antl), Uncini, Bacchetti (53’ Barion); Menniti-Ippolito (cap.), Citton (70’ Visentin); Vian, Lubian, Sironi (68’ Swanepoel); Mtyanda, Steolo (58’ Ferro); Brandolini (48’ Rossi), Cadorini, Lugato (48’ Leccioli).
Allenatore: Umberto Casellato
Lazio Rugby 1927: Montemauri; De Gaspari (cap.), Vella, Bonifazi; Bossola (68’ Di Giammarco); Granella (61’ Valsecchi), Loro (68’ Cristofaro); Duca, Marucchini (48’ Ulisse), Wagner (68’ Gisonni); Paparone (64’ Bolzoni), Asoli; Leiger, Ferrara, Di Roberto (48’ Giusti).
Allenatore: Carlo Pratichetti
Arbitro: D’Elia (Bari)
AA1 Mitrea (Udine), AA2 Russo Fi. (Treviso)
Quarto Uomo: Favaro (Venezia)
Calciatori: Menniti-Ippolito (FEMI-CZ Rovigo) 5 /4; Granella (Lazio Rugby) 2/1
Cartellini: 54’ cartellino giallo a Mtyanda (FEMI-CZ Rovigo)
Note: giornata di sole e vento, circa 9 gradi. Partita a porte chiuse.
Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 5; Lazio Rugby 0
Player of the Match: Gianmarco Vian (FEMI-CZ Rovigo)

PETRARCA, PRIMO POSTO BLINDATO
Come nell’incontro all’Argos Arena del 14 febbraio scorso, anche nel recupero il Petrarca ha trovato un osso duro nelle Fiamme Oro.
La classifica penalizzante, infatti, imponeva ai cremisi almeno di provare a vincere in casa.

Tuttavia, il Petrarca metteva subito in chiaro le sue intenzioni fin dalle prime battute del match mandando a segno Capraro già al 5’ dopo una serie di percussioni sulla linea di meta, ben difesa dalle Fiamme Oro. La trasformazione di Lyle incocciava il palo di destra, tornando in campo.

C’è equilibrio in campo: davanti le Fiamme Oro schierano i due ex, Zago e Vannozzi, che tengono bene la spinta dei bianconeri.

Però è ancora il Petrarca all’8’ a muovere il tabellino. Stavolta è Lyle ad approfittare della penalizzazione di dieci metri inflitta da Angelucci ai cremisi per proteste su un fallo. Dalla lunga distanza l’inglese centra i pali colpendo la traversa, con l’ovale che stavolta rimbalza fortunatamente dalla parte giusta.
Il Petrarca dimostra molta concentrazione in difesa e tanta lucidità nel tenere l’ovale anche nelle fasi di difficoltà.

Al 34’ ancora punti nello score di Trotta & C. Dopo aver saltato due placcaggi è lo stesso Lyle a mettersi di nuovo in mostra con una bella meta al termine di una serie di percussioni nei 22 cremisi. Con la trasformazione il divario nel punteggio è ora di 15 lunghezze.

Sul finire di un primo tempo tutto sommato equilibrato sul piano del gioco, le Fiamme Oro riescono a mettere i primi punti sul tabellino andando in meta al largo con Vaccari, dopo vari tentativi ben arginati dalla difesa del Petrarca.
Le squadre vanno al riposo sul 7-15 dopo la trasformazione di Azzolini, ma col morale dei cremisi tendente all’alto.

Infatti, al primo minuto della ripresa sono le Fiamme Oro a concretizzare. Panunzi aveva calciato l’ovale direttamente in touche avendolo però riportato all’interno dei propri 22 e Angelucci fa battere la rimessa laterale alle Fiamme Oro e sugli sviluppi Spinelli riesce a sfondare la difesa del Petrarca che, sin prima, aveva comunque difeso molto bene. Dopo la trasformazione di Azzolini, ora il divario è solo di un punto a favore del Petrarca:14-15.

Dopo la sfuriata iniziale e la seconda meta delle Fiamme Oro, il Petrarca torna a stabilirsi nella metà campo avversaria e ci sta per parecchio tempo.
Al 57’ il lavoro di sfiancamento porta i suoi frutti. L’azione parte dal piede di Faiva, subentrato da poco a Zini, con l’ovale per Coppo che scivola in mezzo agli avversari per marcare la terza meta, trasformata poi da Lyle.

Al 70’ Carnio si fa perdonare un paio di lanci imprecisi in touche, rubando palla in una rimessa delle Fiamme Oro. Dopo una serie di pick & go al limite, Nostran riesce finalmente a perforare la difesa dei poliziotti per la sospirata meta del bonus che il preciso piede di Lyle trasforma per il rassicurante 14-29, massimo distacco tra le due squadre.

Il fine partita è copia della fine del primo tempo. Le Fiamme Oro si riversano in attacco e dopo una serie di percussioni riescono a mandare in meta CornelliAzzolini trasforma con il cronometro abbondantemente oltre l’80’.

Una vittoria più sofferta, tuttavia come era nelle previsioni. Le Fiamme Oro si sono dimostrate ancora una volta avversario difficile da battere e la loro classifica, visto il match di oggi, a nostro parere è eccessivamente penalizzante.

Tutt’altra storia quella del Petrarca che anche oggi esce imbattuto per l’undicesima volta in questa stagione, dopo altrettante gare. Ottima la prestazione di De Masi, sia in attacco che in difesa, come quella di Capraro, Player Of The Match. Una ulteriore conferma Lyle, sicuro dietro, efficace e propositivo in attacco, oggi anche in meta.

Con ancora due gare da recuperare, il Petrarca è sempre saldamente in testa alla classifica generale, grazie anche ai cinque punti odierni.
Il prossimo ostacolo duro sarà a Calvisano contro i campioni d’Italia in carica il 14 marzo prossimo, nel recupero dell’ottava giornata.

Il tabellino del match.
Roma, CPO “Giulio Onesti” – Sabato 6 marzo 2021
Peroni TOP10, recupero IV giornata
Fiamme Oro Rugby v Argos Petrarca Rugby 21-29 (7-15)
Marcatori: p.t. 4’ m. Capraro (0-5), 23’ cp Lyle (0-8); 34’ m. Lyle tr. Lyle (0-15); 40’ m. Vaccari tr. Azzolini (7-15) s.t.  42’ m Spinelli, tr. Azzolini (14-15); 57’ m. Coppo tr. Lyle (14-22); 70’ m. Nostran tr. Lyle (14-29); 80+4 m. Cornelli tr Azzolini (21-29)
Fiamme Oro Rugby: Spinelli (70’ Fusco); Guardiano, Vaccari, Forcucci, Lai (68’ Gabbianelli); Azzolini, Marinaro (cap.); Caffini (74’ Taddia), Angelone (41’ Fragnito), Chianucci; Cornelli, Stoian; Vannozzi (58’ Iacob), Kudin (64’ Moriconi), Zago (69’ Mariottini)
Allenatore: Craig Green
Argos Petrarca Rugby: Lyle; Capraro, De Masi (64’ Bettin), Broggin, Coppo; Zini (47’ Faiva), Panunzi (47’ Tebaldi); Trotta (cap.), Cannone (43’-52’ Panozzo), Nostran; Galetto, Beccaris (64’ Bonfiglio); Hasa (64’ Mancini Parri) Parri, Makelara (47’ Carnio), Franceschetto (48’ Borean)
Allenatori: Andrea Marcato e Victor Jimenez
Arbitro: Angelucci (Livorno)
AA1 Chirnoaga (Roma), AA2 Rosella (Roma)
Quarto uomo: Meo (Roma)
Calciatori: Lyle (Argos Petrarca) 4/5; Azzolini (Fiamme Oro) 3/3
Note: Giornata piovosa, partita giocata a porte chiuse in rispetto della normativa anti Covid-19
Player Of The Match: Marco Capraro (Argos Petrarca)

CLASSIFICA
Sola al comando il Petrarca che blinda la prima posizione e Rovigo secondo, con Calvisano e Valorugby a chiudere la zona play off.
51 Argos Petrarca Rugby**
46 Femi-CZ Rovigo
41 Kawasaki Robot Calvisano*
40 Valorugby Emilia*
25 Mogliano Rugby 1969*, Rugby Viadana 1970*
23 Fiamme Oro Rugby
22 Sitav Rugby Lyons
13 HBS Colorno*
2 Lazio Rugby 1927**
*partite in meno
HBS Colorno 4 punti di penalizzazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *