Argos Petrarca col motore al massimo, più forte del Kawasaki R. Calvisano

Grande prestazione dei Campioni d’Italia che cancella le ultime prove opache.
Marcato: “Ci hanno messo in difficoltà in mischia chiusa, ma abbiamo saputo difendere bene”
Brunello: “Nonostante il risultato sono contento di come abbiamo giocato”.
Frattura del perone per Grigolon.
Mogliano non è più una sorpresa: ora terzo in classifica.
di Enrico Daniele
(in copertina foto di Franco Cusinato)

Ci voleva una squadra forte per testare l’Argos Petrarca e il Kawasaki R. Calvisano era quello che serviva al XV di Andrea Marcato. Continua a leggere

L’Argos Petrarca vince senza convincere

Due mete nel primo quarto, poi nulla, o quasi.
Un turnover troppo accentuato: poche idee.
Buona gara della Lazio che nel finale ha rischiato addirittura di vincere.
di Enrico Daniele
(in copertina foto di Franco Cusinato)

L’Argos Petrarca vince anche la sesta gara del Top12 contro una Lazio piuttosto aggressiva che nei minuti finali poteva addirittura passare in vantaggio. Continua a leggere

Top12: Fiamme Oro, provvisoriamente in testa, Rovigo cade ancora

Vita facile per Calvisano a Padova.
Vince anche il Valorugby e Viadana espugna Firenze.
I risultati degli anticipi.

di Enrico Daniele
(in copertina foto di Alessandra Lazzarotto)

Si sono giocati nel pomeriggio i quattro anticipi della sesta giornata del Top12. Continua a leggere

Top12: San Donà gioca, Argos Petrarca vince

La Lafert tiene palla per almeno 60’ ma il Petrarca è cinico e porta a casa il risultato.
Rovigo ko all’83’: Presutti ancora bestia nera del Battaglini.
Calvisano ok a Roma, Gennari grazia Viadana, Fiamme Oro sul Valsugana e Mogliano espugna il Payanini.
I risultati e la classifica.
di Enrico Daniele
(in copertina foto di Franco Cusinato)

L’Argos Petrarca vince la difficile trasferta di San Donà di Piave battendo la Lafert per 13-9. Due mete e un calcio piazzato per i Campioni d’Italia sono sufficienti ad avere la meglio sui tre calci piazzati dei padroni di casa.

Quattro gli episodi fondamentali che hanno caratterizzato un incontro condizionato dal forte vento che ha spazzato il campo, comandato quasi esclusivamente dai padroni di casa, che hanno tenuto palla almeno 60’ senza tuttavia violare la meta ospite.

Il primo al 4’ p.t.: rimessa laterale del Petrarca a metà campo lato tribuna, palla fuori per Su’a e Menniti Ippolito che imbecca Coppo. La giovane ala petrarchina trova la diagonale giusta per passare in mezzo a 4 avversari e distribuire palla a Riera che trova Ragusi in sostegno a destra e da quest’ultimo a Capraro che si tuffa in bandierina. Siamo al 4° minuto.

Il secondo al 66’: sul risultato di 6-8 per il Petrarca (un piazzato di Menniti Ippolito e due di Owen) la Lafert vince una mischia sulla linea dei 22 del Petrarca. Schipani assegna la punizione ai padroni di casa. Owen si concentra sui pali dell’acca che vibrano vistosamente per il forte vento. Il suo calcio spedisce l’ovale ad incocciare clamorosamente il palo di sinistra, rimbalzando all’indietro.

Il terzo al 75’: sul risultato di 9-8 per la Lafert (calcio di Biasuzzi) e con i padroni di casa in pressione costante sulla metà campo del Petrarca, Riera esce dalla propria trequarti e serve Capraro che sposta il baricentro del gioco dalla parte opposta del campo. Nella ruck che si forma Francescato serve Menniti Ippolito ben appostato dietro poco più avanti della linea dei 10 metri. La palombella dell’apertura padovana viene raccolta al volo da Trotta che trova il giusto timing per beffare Biasuzzi e lanciarsi oltre la linea di meta. 13-8 per il Petrarca.

Il quarto, l’ultimo, in zona rossa, oltre l’80’: sul risultato di 9-13 per il Petrarca, la Lafert gioca la seconda rimessa laterale in due minuti, stavolta sulla linea dei 5 metri del Petrarca, che è anche in inferiorità numerica perché Grigolon si è beccato un giallo. Il lancio di Dal Sie vie catturato da Ortega sul primo blocco di salto. L’argentino legge bene la chiamata dei padroni di casa, pallone in tribuna e match vinto dal Petrarca.

Un Petrarca cinico nel non concedere quasi nulla all’avversario, forte in difesa e abile nello sfruttare le poche occasioni avute. I padroni di casa hanno gestito la palla per almeno 3/4 di gara tra le due mete degli ospiti, mettendo a dura prova il pack bianconero, tuttavia mostrando poca propensione in attacco. Una Lafert operaia, ma nulla più.
Se il Petrarca vince anche non giocando benissimo, figuriamoci quando tutti i meccanismi saranno oliati al punto giusto.
“Vincere a San Donà va bene anche così” è il secco commento di Andrea Marcato a fine gara.
Quattro punti che confermano i Campioni d’Italia in testa alla generale a due lunghezze dalle Fiamme Oro che a Padova hanno regolato il Valsugana 31-22.
Il tabellino del match.

San Donà di Piave, Stadio “Pacifici” – domenica 28 ottobre 2018
TOP12 V giornata
Lafert San Donà v Argos Petrarca Rugby 9-13 (3-8)

Marcatori: p.t. 4’ m. Capraro nt (0-5), 7’ cp. Menniti-Ippolito (0-8), 29’ cp. Owen (3-8); s.t. 60’ cp. Owen (6-8), 72’ cp. Biasuzzi (9-8), 76’ m. Trotta nt (9-13)

Lafert San Donà: Owen; Pratichetti, Iovu (68’ Biasuzzi), Bacchin E, Falsaperla (Biasuzzi); Reeves, Petrozzi (75’ Crosato); Jack, Bacchin G (79’ Zuliani), Derbyshire (cap); Riedo (53’ Sutto), Stander; Thwala (64’ Zanusso), Nicotera, Ceccato (79’ Pasqual).
Allenatore: Craig Green

Argos Petrarca Rugby: Ragusi; Capraro, Bettin, Riera, Coppo (74’ Zini); Menniti-Ippolito, Su’a (56’ Francescato); Trotta, Nostran (63’ Ortega), Conforti (45’ Grigolon); Cannone, Saccardo (cap) (63’ Gerosa); Acosta (79’ Braggiè), Santamaria (68’ Cugini), Borean (45’ Rizzo).
Allenatore: Andrea Marcato

Arbitro: Schipani (Benevento)
AA1 Federico Vedovelli (Sondrio), AA2 Simone Boaretto (Rovigo)
Quarto Uomo: Roberto Lazzarini (Rovigo)
Cartellini: 80’ giallo a Grigolon (Argos Petrarca Rugby)
Calciatori: Owen (Lafert San Donà) 2/4; Menniti-Ippolito (Argos Petrarca Rugby) 1/3; Biasuzzi (Lafert San Donà) 1/1
Note: giornata piovosa, forte vento, circa 19°, campo pesante. Spettatori 278.
Punti conquistati in classifica: Lafert San Donà 1; Argos Petrarca Rugby 4
Man of the Match: Andrea Trotta (Argos Petrarca Rugby).

Nelle altre gare.

Clamoroso ko casalingo della Femi CZ Rovigo che a tempo scaduto becca il calcio di punizione di Newton che regala lo storico successo a I Medicei di un certo Pasquale Presutti da Trasacco, che si conferma la “bestia nera” del Battaglini.

Scivola al sesto posto il XV di Casellato dietro al Mogliano, corsaro al Payanini Center. I trevigiani rifilano al Verona 34 punti e si attestano al 5° posto della generale, davanti ai rossoblù per la miglior differenza punti.

Al Plebiscito niente da fare per il Valsugana che deve cedere la posta alle Fiamme Oro che tornano a Roma con la vittoria ed il secondo posto in classifica generale, a due sole lunghezze dal Petrarca.

Negli anticipi di sabato, vita facile per il Kawasaki Robot Calvisano all’Acqua Acetosa contro la Lazio, battuta 44-12 e lotta all’ultimo sangue tra Viadana e Valorugby nella gara allo Zaffaella. Stavolta è Gennari a ciccare la trasformazione che poteva dare la vittoria al suo Valorugby. Vince così Viadana 20-18, ma gli emiliani mantengono il quarto posto in classifica.

La classifica generale aggiornata.

Top12: Valsugana perde ma ne fa quattro al Valorugby

Cade Calvisano al Pacifici.
Fiamme Oro di misura sui Medicei, Rovigo a fatica contro Mogliano.
Verona inaugura il Payanini Center con una vittoria.
Domani il posticipo Rugby Viadana e Argos Petrarca Rugby.
di Enrico Daniele
(in copertina foto di Daniel Cau)

La terza giornata del Top12 è terminata da poco. In attesa del posticipo di domani tra Rugby Viadana 1970 e Argos Petrarca Rugby, Continua a leggere