Articoli

Petrarca, aggancio al Rovigo

Vittoria da cinque punti a Colorno per l’Argos e al Battaglini finisce pari e patta tra Rovigo e Valorugby.
Mogliano obiettivo centrato contro la Lazio.
I risultati e la classifica.

Il pacchetto di mischia del HBS Colorno: oggi niente da fare contro quello dell’Argos Petrarca (ph. Uff. stampa HBS Colorno)

di Enrico Daniele

Il successo esterno, l’ottavo di fila, dell’Argos Petrarca a Colorno per 36-6 e il concomitante pareggio per 16-16 della Femi CZ Rovigo al Battaglini contro il Valorugby, determina l’aggancio ai bersaglieri in vetta alla classifica generale da parte della squadra di Marcato e Jimenez, con il plus di dover recuperare quattro gare, contro una sola del Rovigo.

Questo il sunto della parte alta della classifica con le prime tre staccate dalla quarta, Calvisano, che ha impattato a sua volta a Roma contro le Fiamme Oro per 12-12.

Vince anche il Mogliano per 23-16 la sfida casalinga contro la Lazio che al Quaggia muove per la prima volta la classifica conquistando il punto di bonus difensivo.
Successo del Viadana contro la Sitav Lyons per 22-17.

PETRARCA, VITTORIA NOIOSA
Vince nettamente il Petrarca la sfida esterna contro l’HBS Colorno per 36-6.
Due mete nel primo tempo (19’ Pavesi dopo un paio di pick & go dalla solita rimessa laterale, 39’ Makelara dal maul avanzante sempre successiva ad una touche) scandito quasi esclusivamente da estenuanti ping-pong al piede dai rispettivi calciatori e dove l’unica emozione per i padroni di casa è stata la ricezione alta di Gesi in anticipo su Lyle con l’off load per Balocchi che butta via l’ovale, braccato dalla difesa del Petrarca.

Per il resto, dopo un calcio fallito di Lyle al 2’, e due di Ceresini messi tra i pali al 5’ e al 35’, la cronaca del primo tempo finisce qui, col tabellino che segna il 10-6 per gli ospiti.

Poche emozioni anche nella seconda parte di gara, arricchita però dalle tre mete dell’Argos. Al 43’ quella di Capraro, servito da Tebaldi dopo una maul, quella del bonus di Colitti al 51’ sulla bandierina di destra (rimessa laterale, maul avanzante e palla sulla chiusa per il centro romano) ed infine la quinta, sempre di Colitti al 70’ che si smarca bene di due avversari con ovale servito da Tebaldi, stavolta da mischia ordinata.

Migliore in campo Lorenzo Cannone premiato a fine gara da capitan Trotta.
Azioni alla mano praticamente assenti, mischia del Petrarca assolutamente superiore, miglioramenti nella rimessa laterale.
Per il resto una noia mortale, probabile specchio di un livello di gioco del campionato generalmente tendente al basso.
Il tabellino del match.
Colorno, HBS Rugby Stadium – sabato 7 Febbraio 2021
Peroni Top10 – XII Giornata
HBS Colorno v Argos Petrarca 6-36 (6-17)
Marcatori: p.t. 6’ cp. Ceresini (3-0); 13’ cp. Lyle (3-3); 20’ m. Pavesi tr. Lyle (3-10); 36’ cp. Ceresini (6-10); 40’ m. Makelara tr. Lyle (6-17) s.t. 44’ m. Capraro tr. Lyle (6-24); 52’ m. Colitti tr. Lyle (6-31); 72’ m. Colitti (6-36)
HBS Colorno: Bronzini (74’ Pasini); Gesi, Van Tonder, Smith (6’ Balocchi), Canni; Ceresini, Raffaele (76’ Pozzobon); Mozzato (74’ Parolo), Sarto (Cap.), Pop (56’ Boccardo); Zecchini, Cicchinelli; Chalonec (41’ Alvarado), Buondonno (3’-6’ Silva; 45’ Silva), Gemma (65’ Singh).
Allenatore: Cristian Prestera
Argos Petrarca: Lyle; Coppo, Colitti, Broggin, Capraro (47’ Faiva); Zini, Tebaldi (52’ Panunzi); Trotta (Cap), Cannone, Nostran (62’ Catelan); Ghigo (66’ Manni), Bonfiglio (56’ Beccaris); Pavesi (62’ Mancini Parri), Makelara (52’ Carnio), Franceschetto (56’ Borean).
Allenatori: Andrea Marcato e Victor Jimenez
Arbitro: Gianluca Gnecchi (Brescia)
AA1 Chirnoaga (Roma); AA2 Roscini (Milano)
Quarto Uomo: Pellegrino (Roma)
Cartellini: al 10’ giallo a Zecchini (HBS Colorno);
Calciatori: Ceresini (HBS Colorno) 2/2; Lyle (Argos Petrarca) 5/7
Note: Nuvoloso, temperatura 10° – campo pesante – match disputato a porte chiuse.
Punti conquistati in classifica: HBS Colorno 0; Argos Petrarca 5.
Peroni Player of the Match: Lorenzo Cannone (Argos Petrarca).

ROVIGO RINGRAZIA IL DR. FERRO, PLAYER OF THE MATCH

Matteo Ferro: una meta e il salvataggio finale. Gli applausi sono tutti per lui.

Se a Colorno non sono scoppiati i fuochi d’artificio nonostante le cinque mete del Petrarca, non è andata meglio al Battaglini nel big match della dodicesima giornata, dove di mete se ne son viste solo due (una per parte, al 56’ quella dell’ex Dennis Majstorovic per gli ospiti, e al 65’ la risposta di Matteo Ferro) e alla fine, la Femi CZ deve ringraziare il suo capitano – fresco di laurea in Economia e Commercio – che nell’ultima azione della partita ha costretto al tenuto il Valorugby, con Andrea Menniti Ippolito a liberare l’ovale sulle gradinate deserte della Lanzoni mettendo fine alle ostilità.

Un tempo per parte con i padroni di casa che trovano i primi punti da un drop di Antl (oggi all’apertura con Menniti Ippolito schierato estremo) controbilanciato da una punizione di Newton (apertura al posto di Rodriguez, entrato nel finale del secondo tempo). Due punizioni di Menniti Ippolito fissavano sul 9-3 il tabellino del primo tempo caratterizzato da un maggior possesso del Rovigo.

Secondo tempo favorevole agli ospiti a segno subito con Newton dalla piazzola e avanti con la meta di Majstorovic al 56’: dopo una serie di percussioni degli avanti la palla esce al largo dove il centro croato non ha grandi difficoltà a schiacciare l’ovale. Newton arrotonda per il 9-13.
Poco meno di dieci minuti e arriva la meta del Rovigo con Matteo Ferro che finalizza un bel carrettino da rimessa laterale al 65’. Menniti Ippolito trasforma per il 16-13.

Nel finale i tentativi di attacco del Valorugby che pareggia al 75’ con un piazzato di Farolini, ma si fa trovare in fallo nel momento clou, nell’assalto finale col tenuto a terra a tempo scaduto, propiziato dal Player Of The Match, Matteo Ferro.
Un pareggio da due punti per il Rovigo – con una gara da recuperare – che consente l’aggancio del Petrarca in testa alla generale.
Il tabellino del match.
Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – domenica 7 febbraio 2021
Peroni TOP10, XII giornata
FEMI-CZ Rovigo v Valorugby Emilia 16-16 (9-3)
Marcatori: p.t. 10’ drop Antl (3-0), 14’ c.p. Newton (3-3), 16’ c.p. Menniti-Ippolito (6-3), 27’ c.p. Menniti-Ippolito (9-3); s.t. 47’ c.p. Newton (9-6), 56’ m. Majstorovic tr. Newton (9-13), 65’ m. Ferro tr. Menniti-Ippolito (16-13), 75’ c.p. Farolini (16-16),
FEMI-CZ Rovigo: Menniti-Ippolito; Cioffi, Coronel (54’ Moscardi), Modena, Uncini (76’ Swanepoel); Antl, Trussardi; Greeff (62’ Mantovani), Lubian, Ruggeri (62’ Sironi); Ferro (cap.) (43’ Mantovani- Ferro), Canali; Swanepoel (50’ Brandolini), Nicotera (53’ Cadorini), Leccioli (53’ Pomaro).
Allenatore: Umberto Casellato
Valorugby Emilia: Farolini; Bertaccini, Majstorovic (cap.), Vaega, Falsaperla; Newton (71’ Rodriguez), Chillon (46’ Fusco); Amenta, Conforti (74’ Rimpelli), Favaro (47’ Mordacci); Dell’Acqua, Balsemin (54’ Gerosa); Randisi (64’ Romano), Luus, Muccignat (64’ Mattioli)
Allenatore: Roberto Manghi
Arbitro: Andrea Piardi (Brescia)
AA1 Vincenzo Schipani (Benevento), AA2 Filippo Russo (Treviso)
Quarto uomo: Davor Vidackovic (Milano)
Calciatori: Menniti-Ippolito (FEMI-CZ Rovigo) 3/4; Newton (Valorugby Emilia) 3/ 4, Farolini (Valorugby Emilia) 1/ 1
Cartellini: 7’ giallo a Farolini (Valorugby Emilia), 73’ giallo a Brandolini (FEMI-CZ Rovigo)
Note: giornata nuvolosa, circa 13 gradi. Partita a porte chiuse.
Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 2; Valorugby Emilia 2
Player of the Match: Matteo Ferro (FEMI-CZ Rovigo)

MOGLIANO, BATTAGLIA VINTA NEL FANGO DEL QUAGGIA

Andrea Ceccato, oggi improvvisato tallonatore al centro della prima linea del Mogliano (ph Alfio Guarise)

È ancora il terreno pesantissimo del Quaggia a far da teatro alla vittoria interna del Mogliano contro la Lazio per 23-16.

Gara complicata da alcune defezioni dell’ultimo minuto per la squadra di Costanzo e Basson, che hanno dovuto rinunciare a Ferraro e Bonanni, schierando come tallonatore titolare Tomas Rosario, autore anche di una meta prima di infortunarsi e di lasciare scoperto il ruolo, assunto provvisoriamente da Andrea Ceccato, rimasto in campo per tutti gli 80 minuti.

Solo sette punti il divario tra le due squadre con la Lazio che conquista il primo punto in questa stagione. Mogliano ha comunque sempre tenuto in mano il pallino del gioco, tuttavia senza mai riuscire a chiudere definitivamente il match, peccando di incisività nel finalizzare alcune buone azioni.

Da segnalare il ritorno in campo anche di Spironello e l’esordio con la maglia biancoblù, sia di Jacono, sia di Appiah (per quest’ultimo si tratta di un ritorno a Mogliano come permit dal Benetton Treviso). Prossimo impegno per il Mogliano la difficile trasferta a Reggio Emilia contro il Valorugby.
Il tabellino del match.
Mogliano Veneto – Stadio “Maurizio Quaggia” – domenica 7 febbraio 2021
Top 10, XII giornata
Mogliano Rugby 1969 v Lazio Rugby 1927 1927 23 – 16 (20 – 13)
Marcatori: pt. 3′ cp. Ormson (3-0); 6′ cp. Ormson (6-0); 12′ m. Abanga tr. Ormson (13-0); 29′ m. Leiger tr. Montemauri (13-7); 33′ m. Rosario tr. Ormson (20-7); 39′ cp. Montemauri (20-10); 44′ cp. Montemauri (20-13); st. 50′ cp. Ormson (23-13); 79′ cp. Montemauri (23-16);
Mogliano Rugby 1969: Ormson; Stella (55′-56′ Jacono) (58′ Jacono), Drago (58′ Zanatta), Cerioni, Abanga; Ormson, Garbisi (58′ Fabi); Finotto, Corazzi (Cap.), Zago (51′ Derbyshire); Baldino (51′ Sutto), Bocchi; Michelini (74′ Spironello), Rosario (37′ Appiah), Ceccato A.
Allenatore: Salvatore Costanzo
Lazio Rugby 1927: Bonifazi; Scardamaglia, Vella (70′ Baffigi), Mattoccia, De Gaspari; Montemauri, Esteki; Cacciagrano, Ulisse, Riccioli; Delorenzi (25′ Wagner), Damiani; Leiger (56′ Liguori), Ferrara, Di Roberto (66′ Giusti)
Allenatore: Carlo Pratichetti
Arbitro: Luca Trentin (Lecco)
AA1 Matteo Franco (Pordenone), AA2 Alex Frasson (Treviso)
Quarto Uomo: Antonio Merendino (Udine)
Cartellini: 50′ cartellino rosso Cacciagrano (Lazio)
Calciatori: Ormson 5/5 (Mogliano Rugby 1969); Montemauri 4/4 (Lazio Rugby 1927)
Note: Pomeriggio piovoso, temperatura non molto fredda, terreno di gioco molto pesante, partita disputata a porte chiuse per emergenza Covid-19.
Punti conquistati in classifica: Mogliano Rugby 1969 4; Lazio Rugby 1927 1
Player of the match: Brian Ormson (Mogliano Rugby 1969)

LE ALTRE GARE
Pioggia incessante e campo pesante all’Acqua Acetosa. Maltempo che ha impedito anche la diretta televisiva (le gradinate sono prive di copertura) della gara tra le Fiamme Oro e il Kawasaki R. Calvisano.
Le due squadre si sono affrontate senza esclusione di colpi, ma i punti sono arrivati solo dalla piazzola con Hugo Schalk che ha fatto registrare un 100%, ma sono stati gli ultimi due piazzati del Player Of The Match cremisi, Maicol Azzolini, a realizzare il pareggio per 12-12.

Allo Zaffanella vittoria dei padroni di casa del Viadana contro la Sitav Lyons per 22-17.

CLASSIFICA
La classifica della dodicesima giornata parla sempre più veneto: il Petrarca aggancia Rovigo in testa a 36 punti seguito dal Valorugby a 32. Più staccato il Calvisano. Mogliano in quinta posizione seguito dal Viadana. Poi le altre, con la Lazio che muove per la prima volta la classifica.

36 Femi-CZ Rovigo*, Argos Petrarca Rugby****
32 Valorugby Emilia**
27 Kawasaki Robot Calvisano***
22 Mogliano Rugby 1969***
21 Rugby Viadana 1970***
18 Fiamme Oro Rugby***
17 Sitav Rugby Lyons
12 HBS Colorno**
1 Lazio Rugby 1927*****
*partite in meno
HBS Colorno 4 punti di penalizzazione.

Una Coppa per pochi intimi

Disputate due gare su quattro. Annullati i match a Roma e a Piacenza.
500 a Viadana e 150 a Padova i fortunati spettatori.

di Enrico Daniele

Una partenza a dir poco in sordina quella del rugby domestico che sabato ha messo in scena la prima giornata di Coppa Italia con due soli incontri disputati sui quattro previsti. Minimale la presenza di pubblico, date le attuali restrizioni: 500 allo Zaffanella (poco sotto alla media presenze delle altre stagioni), 150 alla Guizza (meno dei 176 spettatori ammissibili dal vigente DPCR, lontanissimi dagli 8-900 di norma presenti in tribuna).

Tanta la voglia di ripartire, a quasi sette mesi dall’ultimo match, ma altrettanta la delusione per chi non ha potuto recarsi allo stadio e anche per Lyons Piacenza vs Mogliano (gara annullata per positività di alcuni giocatori trevigiani) e per Lazio vs Calvisano (qui i casi di positività sono stati registrati tra le fila degli ultimi campioni d’Italia).
Pazienza: la speranza è che la curva dei contagi regredisca presto e si ritorni alla normalità.

Venendo alle due gare di sabato, i risultati hanno dato ragione al Valorugby e al Petrarca.

IL VALORUGBY C’E’
Gli emiliani, quotatissimi quest’anno ancor più delle scorse stagioni, allo Zaffanella hanno regolato con un perentorio 35-13 i padroni di casa del Viadana. Risultato mai in discussione, a guardare il tabellino, con gli ospiti avanti 19-6 già alla fine del primo tempo (mete di Chistolini, Luus e Costella) e leoni gialloneri che tentano la risalita con la meta a inizio ripresa di Ribaldi, tuttavia tenuti a debita distanza dalle repliche al piede di Farolini e dalla meta dell’ex Petrarca, Angelo Leaupepe. Cinque a zero i punti conquistati in classifica dal Valorugby.

PETRARCA TUTTO NUOVO
Alla Guizza la prima sorpresa arriva dalla formazione. Se uno si fosse addormentato lo scorso febbraio e risvegliato oggi, leggendola difficilmente avrebbe riconosciuto il Petrarca, se non dalle maglie nere griffate dal “title sponsor” Argos.

Dal XV di partenza, infatti, mancavano i nomi dei “soliti noti” (Conforti, Saccardo, Gerosa, Chillon, Leaupepe, Ragusi…) tuttavia, a farla da protagonisti nella netta vittoria del Petrarca sul Colorno, sono stati i nomi nuovi.

Su tutti il semisconosciuto Giulio Colitti, centro romano classe 1997 che lo scorso febbraio – prima dello stop – giocava ancora con la Capitolina in Serie A, squadra della quale era anche il capitano. Colitti, arrivato alla corte di Marcato questa estate, ha bagnato l’esordio in maglia bianconera con 4 mete, meritandosi il Man Of The Match finale. Chapeau!

Buona la prestazione dell’estremo ex San Donà, Scott Lyle (2 mete, 4 trasformazioni e un piazzato).

Complice anche un avversario non ancora a “pieni regimi”, esordio più che incoraggiante del Petrarca – ci informa chi ha seguito il match dalla tribuna – che ha giocato con ordine, lucidità e continuità, anche se con ritmi non troppo elevati (ma era plausibile dopo mesi di inattività contro avversari veri e punti in palio), ed ha regalato ai pochi presenti la bellezza di otto mete subendone due sole, a risultato già ampiamente acquisito.

Non si ricorda un esordio così scoppiettante, nell’attesa di vedere il XV bianconero impegnato con avversari di pari livello che, positività Covid permettendo, potrebbe già essere nel prossimo turno, sabato 24 ottobre al Pata Stadium contro Calvisano.

Padova, Argos Arena– sabato 17 ottobre 2020
Coppa Italia – Girone 2 – I giornata
Argos Petrarca v HBS Colorno 53-12 (27-0).
Marcatori: p.t. 9’ m. Colitti (5-0), 22’ m. Panunzi tr. Lyle (12-0), 27’ cp Lyle (15-0), 34’ m. Lyle (20-0), 43’ m. Colitti tr. Lyle (27-0). s.t. 43’ m. Colitti tr. Lyle (34-0), 46’ m. Colitti tr. Faiva (41-0), 49’ m. Lyle tr Lyle (48-0), 58’ m. Fadalti (53-0), 62’ m. Parolo tr. Van Tonder (53-7), 74’ m’ Buondonno (53-12).

Argos Petrarca: Lyle; Fadalti, Colitti, Broggin, Schiabel; Faiva (47’ Zini), Panunzi (47’ Tebaldi); Trotta (Cap.), Nostran (V.Cap.) (54’ Beccaris), Manni (67’ Catelan); Bonfiglio, Galetto (47’ Ghigo); Pavesi (59’ Hasa), Makelara (59’ Mancini Parri), Franceschetto (47’ Borean).
Allenatori: Marcato e Jimenez

HBS Colorno: Van Tonder; Bronzini (49’ Batista), Chibalie, Silva (54’ Pasini), Balocchi; Ceresini, Raffaele (65’ Pozzobon); Mozzato, Mannelli (28’ – 38’ temp. Buondonno, 40’ Boccardo), Sarto (Cap.); Chiappini (62’ Sapuppo), Parolo; Sito Alvarado (59’ Fiume), M. Silva (59’ Buondonno), Gemma (49’ Singh).
Allenatore: Prestera

Arbitro: Gianluca Gnecchi (Brescia)
AA1 Federico Boraso (Rovigo), AA2 Andrea Spadoni (Padova)
Quarto Uomo: Ferdinando Cusano (Milano)

Calciatori: Lyle 5/8 (Argos Petrarca), Van Tonder 1/3
Cartellini: p.t. 28’ giallo a M. Silva (Colorno)
Man of the Match: Colitti (Argos Petrarca)
Note: giornata soleggiata, 150 spettatori circa
Punti in classifica: Argos Petrarca 5 -HBS Colorno 0

Serie A: i Cadetti del Petrarca ci provano, ma alla fine il Colorno la spunta

Broggin apre le marcature al 2’ minuto.
Dopo la tripletta di Terzi, il match vive su una avvincente alternanza di punteggio.
Risultati e classifica del girone 2.

di Enrico Daniele (su commento di Manuel Piazza dell’HBS Colorno)
(in copertina foto dall’Ufficio Stampa HBS Colorno)

La Cadetti dell’Argos Petrarca torna da Colorno sconfitta per 30-24, ma non battuta nello spirito, perché davanti alla corazzata HBS il XV guidato da Rocco Salvan ci mette anima e cuore per portare a casa, senza successo, la vittoria. Continua a leggere

Serie A Poule Promozione 2: le padovane contro le veronesi

Valsugana in trasferta contro il Valpolicella.
Il Petrarca in casa contro Verona.
Le designazioni della 9a giornata.
di Enrico Daniele
(in copertina foto di Alessandra Lazzarotto)

Penultimo turno della Poule Promozione della Serie A prima delle semifinali. Continua a leggere

Valsugana corsaro a Verona

Vittoria del XV padovano in trasferta.
HBS Colorno troppo forte per il Petrarca.
I risultati della 7a giornata.
di Enrico Daniele
(in copertina foto dalla pagina Facebook del Verona Rugby)

Un Valsugana corsaro, attento e concreto, espugna il campo di Parona Continua a leggere